HomeMusica e CulturaArtisti - SpecialKeith Moon: una svista fatale

Keith Moon: una svista fatale

Hatfield, Hertforddshire: il Red Lion Pub è un locale alla moda. Stasera, fuori dalla porta, c'è una lussuosissima Bentley.

Appartiene a Keith Moon, stravagante batterista della rock band The Who. Non appena Keith, sua moglie Kim, il loro amico batterista Legs Larry Smith e l’autista dei Moon Neil Boland stanno per entrare in macchina, un gruppo di skinhead li avvicina.
Una ragazza dice loro con tono da presa in giro: “Dai Mooney, dacci un passaggio a casa sulla tua fuoriserie…“. La reazione verbale della moglie del batterista è alquanto violenta: “Taci mignotta“, le dice Kim, “fatti i cavoli tuoi“.

Il gruppo di skinhead non accetta la provocazione: fischia e comincia a gettare monetine sul tetto della Bentley. Moon balza in auto e comincia a inseguire i ragazzi. È infuriato e la situazione comincia a diventare confusa.
Alcuni skinhead scappano altri salgono su un furgone Volkswagen per cercare di ostacolare le manovre della Bentley. Alla fine della gimcana, Neil Boland (l’autista) è steso a terra. Senza vita. La Bentley gli è passata sopra.

Ma com’è potuto succedere? Il coroner, giunto sul posto, giudica accidentale la morte di Boland e scagiona Keith Moon da ogni possibile accusa.
Ma chi era al volante della Bentley? C’era davvero Keith Moon e non, piuttosto, sua moglie Kim? E Neil Boland era in auto ed è stato sbalzato fuori dalle manovre brusche del conducente o era a piedi in mezzo al gruppo dei giovani skinhead?
E quei giovani erano davvero così minacciosi come Kim Moon diceva fossero? A tanti anni di distanza, la morte di Neil Boland rimane un mistero.

Ultimo video pubblicato

Instagram

Error validating access token: The session has been invalidated because the user changed their password or Facebook has changed the session for security reasons.

MUSICOFF NETWORK

Musicoff Discord Community Musicoff Channel on YouTube Musicoff Channel on Twitch Musicoff Channel on Facebook Musicoff Channel on Instagram Musicoff Channel on Twitter