HomeStrumentiTastiere - Test & DemoUn plug-in di AAS per appassionati di Synth vecchia maniera
multiphonic cv1

Un plug-in di AAS per appassionati di Synth vecchia maniera

Lo staff di Are You Experienced fa una svolta epocale: la collaborazione diventa autonomia sotto la mia supervisione… chi mi conosce sa quanto io adori dire l’ultima!.

Iniziamo con una serie di recensioni di plug-in (da buon nostalgico dell’analogico mi procurano un po’ di orticaria) scritte da Valerio Atturo & Gianni Ferretti per le loro rispettive specializzazioni (chitarrista/fonico & tastierista).

Il buon Gianni ha scritto 4 recensioni basate sulla sua grande esperienza (ultra-trentennale) con librerie di qualità per il suo lavoro di tastierista, arrangiatore e turnista… nonché dimostratore.Venti anni abbondanti dopo Tassman, la Applied Acoustic Systems torna ad occuparsi di emulazione di sistemi modulari e rilascia la prima versione di Multiphonics CV-1, uno strumento virtuale che promette di essere sin da adesso uno standard da seguire ed imitare.

Multiphonics CV-1

La prima cosa che si nota è la notevole disponibiltà di moduli da poter utilizzare per creare i nostri suoni; senza elencarli tutti (siamo intorno alla trentina), notiamo la presenza del Classic VCO con controlli anche FM e di un Compact VCO (sub FM), un potentissimo modulo Noise con una miriade di parametri utili, uno State Variable Filter, con l’interessante controllo Growl, e soprattutto lL’Objeq Filter, marchio di fabbrica della AAS, che è un risonatore di modellazione fisica vero e proprio, che può essere utilizzato come oscillatore.

Ogni patch è progettata partendo da alcuni moduli fissi: 

  • Keyboard, il quale permette di triggerare i suoni attraverso la tastiera 
  • Output, che sostanzialmente controlla il volume di uscita del suono, ma che contiene anche i controlli di Delay e Reverb
  • Master Clock permette di gestire e sincronizzare il comportamento della patch con una DAW esterna
  • Macros, che consente di controllare in tempo reale fino a quattro parametri scelti tra i vari moduli.
Multiphonics CV-1

A differenza poi di alcuni plug-in concorrenti, l’interfaccia sembra essere molto comoda e veloce, coloratissima, e e si può costruire una patch già con poche e semplici operazioni.
A partire dalla classica sequenza VCO-Filtro-VCA-ADSR-LFO fino a intrecci molto più articolati, si può quindi lavorare con facilità ed efficacia.
Le possibilità di modulazione spesso sono tra le funzioni più importanti in un synth, e qui con il Multiphonics ci si può davvero sbizzarrire.

Nonostante si tratti di uno strumento monofonico, le ampie possibilità di programmazione permettono di spaziare da suoni semplici e lineari a situazioni più articolate e “sperimentali”; forse rispetto a Tassman (il confronto è inevitabile…) sembra avere meno versatilità, ma la sensazione è che trattandosi della prima release nei futuri aggiornamenti Monophonics si arricchirà di nuovi moduli.

Non lasciamoci ingannare da una grafica forse fin troppo colorata e vivace, Multiphonics CV-1 è uno strumento molto serio, adattissimo per tutti i tipi di musicisti e per chi lavora nel campo del sound design e nelle sonorizzazioni.
Credo che sia ottimo anche per chi entra adesso nel mondo della programmazione dei suoni.
La facilità di programmazione e la buona qualità dei moduli sono i suoi punti di forza, considerando anche il prezzo che è di 99€ (79 € per i primissimi tempi).

Multiphonics CV-1 è disponibile in versione Standalone, VST2 e VST3, AU e AAX, mentre il sistema minimo richiesto è OSX 10.11 per il Mac e Windows 10 64 bit.

Promuovi la cultura e goditi contenuti esclusivi

Musicoff Patreon

Instagram

Error validating access token: The session has been invalidated because the user changed their password or Facebook has changed the session for security reasons.

MUSICOFF NETWORK

Musicoff Discord Community Musicoff Channel on YouTube Musicoff Channel on Twitch Musicoff Channel on Facebook Musicoff Channel on Instagram Musicoff Channel on Twitter