HomeStrumentiChitarra - Liuteria & DIYCostruisci la tua pedalboard #9: il test finale!

Costruisci la tua pedalboard #9: il test finale!

Arriviamo alla fine del nostro progetto DIY e testiamo alcuni dei suoni ottenibili dalla pedaliera che abbiamo deciso di assemblare.

Arriviamo alla fine del nostro progetto DIY e testiamo alcuni dei suoni ottenibili dalla pedaliera che abbiamo deciso di assemblare.

Abbiamo visto che tipologia di pedaliera scegliere, quali sono le migliori combinazioni possibili per le nostre esigenze e inserito i nostri pedali preferiti in pedaliera, il tutto cablato e alimentato a dovere.
Ora è giunta la prova finale per vedere come si deve comportare una pedaliera finita e pronta all’uso. La catena che ho scelto per la mia prova è la seguente:

Fender Lonestar Stratocaster con Pickup Bertozzi > Cavo Linfaudio Platinum Way > Pedaliera (foto) > Supro 1965T > Torpedo Captor 8 > Arturia Audiofuse

Pedalboard

Da destra in senso orario: Masotti OD Box, Ibanez Tube Screamer, LAA Custom PHil X Overdrive, Wampler Talent Booster, Line6 M5, alimentatore Valvolari Clemente, Korg SDD 3000

Primo suono – Clean 

Il clean con un pelo di riverbero è il sound iniziale per chiunque, in questo caso lo otteniamo attraverso un Line6 M5, macchina estremamente economica e con la pecca di mangiare un po’ di segnale se non utilizzata in modalità True Bypass.

Secondo Suono – Light Crunch 

Questa volta alziamo il volume di entrambi i potenziometri della testata e diamo un ulteriore piccola spinta attraverso un Ibanez Tube Screamer, un pedale che ha fatto la storia di tutti i suoni overdrive, coadiuvato anche questa volta dal riverbero dell’M5.

Terzo Suono – Overdrive

In questo caso utilizziamo una particolarità di un pedale overdrive, ovvero l’Laa Custom Phil X. La scelta è per via del suo trasformatore audio che dona spessore al nostro suono e permette di avere un’ottima riserva di volume; ho utilizzato anche il Masotti OD Box per aggiungere gain e punch al risultato finale.

Quarto Suono – Lead

Il suono lead è il passo in avanti,in termini di gain, rispetto al crunch: questo sound si ottiene boostando un canale distorto di un amplificatore già in saturazione, o, se volete proprio esagerare, utilizzando un distorsore con un settaggio “a manetta”.

Quinto Suono – Assolo con delay

Non è rock senza l’assolo, il classico sound utilizzato è la combinazione di overdrive (o canale distorto) con un distorsore (non sempre) e un booster alla fine della catena (o anche un equalizzatore o in casi rarissimi addirittura un compressore), che vengono conditi dal suono del delay per avere molta più tridimensionalità e impatto sonoro.

Abbiamo ottenuto il nostro sound solistico utilizzando il Masotti, l’Laa custom e il Wampler per quanto riguarda la nostra preamplificazione, ma aggiungeremo un ulteriore colore utilizzando il preamplificatore del Korg SDD 3000 in modalità “Tape”.

Questi sono solo i quattro suoni principali utilizzati abitualmente da un rocker, in base alle esigenze e alle necessità si ottengono determinati risultati, ma le logiche progettuali rimangono inalterate, dato che in questa rubrica abbiamo visto come posizionare al meglio i pedali, gestire il routing e, non meno importante, come risolvere eventuali problemi di ronzio.

Ora non resta che suonare…. e tanto!

>>> VAI ALLA PUNTATA PRECEDENTE <<<

Promuovi la cultura e goditi contenuti esclusivi

Musicoff Patreon

Instagram

Error validating access token: The session has been invalidated because the user changed their password or Facebook has changed the session for security reasons.

MUSICOFF NETWORK

Musicoff Discord Community Musicoff Channel on YouTube Musicoff Channel on Twitch Musicoff Channel on Facebook Musicoff Channel on Instagram Musicoff Channel on Twitter