Allman Brothers e l'incrocio maledetto

Allman Brothers e l'incrocio maledetto

Macon, Georgia La città dei fratelli Greg e Duane Allman accoglie con gioia la notizia che il loro live album The Allman Brothers Band At Fillmore East è diventato disco d'oro.
Registrato lo scorso marzo nel famoso music club newyorkese di proprietà di Bill Graham e locale gemello del Fillmore di San Francisco, il live degli Allman è un disco doppio che mostra quanto la fantastica miscela di blues, southern rock e jazz, messa a punto dalla band in poco meno di tre anni, renda al massimo quando il gruppo si esibisce in concerto.

Il successo dell'album, (destinato a diventare uno dei classici del rock), non modifica le abitudini degli Allman Brothers.
Duane, chitarrista slide prodigioso che Eric Clapton ha voluto al suo fianco per le registrazioni di "Layla", per esempio, ama sempre andare in giro in sella alla sua moto, una Harley Davidson che lui ha soprannominato Melissa.

Allman Brothers e l'incrocio maledetto

Lo fa anche il 29 ottobre, 4 giorni dopo la consacrazione a disco d'oro di "At Fillmore East". Ma, quando giunge all'incrocio tra Hill Crest e Bartlett Avenue, si trova la strada sbarrata da un grosso camion Chevrolet con una gru nella parte posteriore. Prova a superarlo ma l'alta velocità e lo scarso spazio a disposizione non glielo consentono. Duane Allman, colpito, viene sbalzato in aria, perde il casco e precipita a terra.
Tre ore dopo, viene dichiarato morto all'ospedale di Macon. Il 20 novembre avrebbe compiuto 25 anni.

Meno di 13 mesi dopo, l'11 novembre del 1972, il bassista degli Allman Brothers (Berry Oakley, che il giorno dell'incidente di Duane lo stava seguendo in auto), allo stesso incrocio maledetto viene investito con la sua Harley Davidson da un bus.
Riporta la frattura del cranio e anche lui, tre ore dopo, perde la vita.