Sta arrivando la nuova esperienza valvolare di Boss

Sta arrivando la nuova esperienza valvolare di Boss

Il Waza Tube Amp Expander promette di aprire un mondo di versatilità nel campo dell'amplificazione valvolare per chitarra, arriverà nella primavera del 2019, vediamo di cosa si tratta.

Fa anche il caffé? Si, è questa la domanda ironica che viene sempre fuori quando ci si trova di fronte ad un oggetto del genere. Perché davvero questo WAZA ha le premesse per risolvere in un colpo solo tutte le necessità del chitarrista che non vuole rinunciare alle sue amate valvole, soprattutto quando sprigionano potenze notevoli.
Sull'aspetto sonoro dovremmo verificarlo di persona la prossima primavera, ma sulla carta c'è davvero di tutto e di più.

LOAD BOX

Innanzitutto, WAZA è una load box dal carico reattivo variabile con componenti analogici discreti. Ok, detta in termini più semplici, fa da "cassa" non suonante assorbendo la potenza del vostro amplificatore fino a 150 watt. L'impedenza è regolabile e questo permette di interfacciarsi al meglio con i nostri amplificatori.
Il beneficio è presto detto: tirare per il collo il Master Volume del nostro ampli senza creare terremoti sonori, potendo poi fare uscire il suono con la sua bella dinamica e timbrica "naturali" con volume a nostro piacimento.

Ma dove sta la novità? A quanto dice Boss, mentre normalmente le load box e gli attenuatori introducono sul suono degli "artefatti" che vanno a modificare il timbro originale dell'amplificatore, nel caso del WAZA non esiste alcuna aggiunta artificiale, grazie ai circuiti di uscita e all'alimentazione frutto di approfondite ricerche e sperimentazioni. 
Non è infatti una novità che Roland/Boss si stia impegnando da tempo in questa direzione, basti dare uno sguardo alla tecnologia Tube Logic.

In più, on board sono montati due controlli, Resonance-Z e Presence-Z, che hanno appunto il compito di ottimizzare l'interfacciamento con l'impedenza e il trasformatore di uscita del nostro amplificatore. Sono ben 16 le impostazioni possibili, per arrivare allo stesso risultato che avremmo collegando l'ampli alla nostra cassa.

Boss si è anche preoccupata di fornirci schemi e legende sullo chassis per una perfetta configurazione.

AMPLIFICATORE DI POTENZA 100W

Tutto qui? No, c'è dell'altro e parecchio.
Perché WAZA è anche un vero e proprio stadio finale analogico in classe AB da 100 watt, tutto a componenti discreti. A voi quindi la scelta del preamplificatore, mentre WAZA si occupa di dare la "voce grossa" al suono che gli arriva in input.
E se avete un ampli a bassa potenza, lo stadio finale del WAZA si occuperà di dargli quella spinta che gli manca.

Il suono finale poi può prendere diverse destinazioni e, cosa più interessante, più direzioni contemporaneamente:

  • verso una o due casse, in modo quindi del tutto normale, con due uscite speaker parallele
  • verso dispositivi di registrazione, con uscite di linea bilanciate mono o stereo, gestione dei loop di massa e led che segnala picchi del segnale di ingresso

Parlando di queste ultime, abbiamo poi a disposizione l'emulazione di un cabinet microfonato o anche le IR personali, così da mandare al mixer del fonico, ai monitor di palco e/o alle interfacce di registrazione un suono pronto da mixare.
C'è poi l'USB, che farà da tramite verso il software di recording preferito per una tracciatura diretta. E c'è un'uscita cuffie, se volete suonare nella più completa intimità a qualunque orario.

EFFETTI

Una load box, un finale e adesso anche gli effetti? Ve lo avevamo detto, manca solo il caffé...
Ebbene, a parte il loop effetti classico (che può funzionare sia in serie che in parallelo, nonché gestire il livello e i loop di massa), WAZA è anche dotato di un processore DSP interno, in grado di funzionare in stereo e con conversione AD/DA di qualità elevata (32bit/96kHz).

Gli effetti disponibili sono compressore, delay e riverbero, tutti personalizzabili tramite il software dedicato (vedi più avanti). In più ci sono quattro EQ diverse, di cui una è usabile anche come boost per gli assoli.
Il riverbero è accessibile con immediatezza anche tramite manopola sul pannello frontale.

PRESET DI MEMORIA

Bello l'analogico, ma se sul palco dobbiamo avere diverse configurazioni? Ebbene, fuori dai circuiti analogici il WAZA permette un controllo davvero utilissimo dei nostri parametri, memorizzabili e richiamabili attraverso 10 slot di salvataggio.
Ognuno potrà includere le impostazioni personali di effetti, equalizzazione, selezioni di cab/IR, on/off del loop effetti, program change MIDI (per controllare effetti MIDI esterni) e selezione dei canali dell’amplificatore.
E anche durante un live, potrete salvare al volo alcune impostazioni minori grazie al pulsante Write.

Per avere il massimo, dovrete collegare WAZA a un controller a pedale, quale l'opzionale GA-FC. Basta un singolo cavo TRS e avrete "tra i piedi" l'accesso immediato a tutti i 10 preset, ma anche il controllo in tempo reale del tempo di delay, solo/EQ, loop effetti on/off, e selezione del canale dell’ampli.
Potete persino controllare i livelli collegando pedali di espressione opzionali al GA-FC. vengono poi supportati anche gli interruttori a pedale della serie FS, oltre ad un esteso controllo MIDI per i setup più avanzati.

PERSONALIZZAZIONE VIA SOFTWARE

Tutto, ma proprio tutto, infine è customizzabile tramite apposito editor software (Mac/Windows) che dialoga con l'hardware via USB.
Potete modificare i parametri di sistema, gli effetti, le EQ (compresa l'attivazione di un loudness), selezionare e personalizzare le emulazioni dei cabinet e sfruttare 4 slot per caricare le speaker IR preferite.
L'editor consente di salvare infiniti settings sul nostro computer e di organizzarli come scene per i nostri live o session di registrazione.

Non resta quindi che aspettare che fiorisca la primavera per veder sbocciare nei negozi questo Waza Tube Amp Expander.
Intanto, date un occhio alla pagina ufficiale sul sito Boss.


Commenta