HomeMusica e CulturaDischi & LibriGregg Allman – Low Country Blues

Gregg Allman – Low Country Blues

Con la stellare produzione di T-Bone Burnett, arriva a ben quattordici anni di distanza dal precedente "Searching For Simplicity" (1997, Sony) il settimo album solista di Gregg Allman, fondatore con il compianto fratello Duane (1946-1971) dell’Allman Brothers Band.Disponibile come CD, doppio vinile o per il download

Con la stellare produzione di T-Bone Burnett, arriva a ben quattordici anni di distanza dal precedente “Searching For Simplicity” (1997, Sony) il settimo album solista di Gregg Allman, fondatore con il compianto fratello Duane (1946-1971) dell’Allman Brothers Band.

Disponibile come CD, doppio vinile o per il download digitale, Low Country Blues è un sentito omaggio al blues, con una selezione di 12 brani da ottimi repertori come quelli di Muddy Waters, Junior Wells, B.B. King, Otis Rush, Skip James e altri grandi del blues, più una manciata di tradizionali e l’originale Just Another Rider, co-firmata dal 64enne cantante/tastierista/chitarrista (ritmico) di Nashville con Warren Haynes, chitarrista insieme a Derek Trucks dell’attuale A.B.B. Tutto l’impianto del disco è di straordinario spessore e qualità, sia tecnica che artistica. Misurati, sempre pertinenti e con una pronuncia profondamente bluesy gli interventi chitarristici di un sorprendente Doyle Bramhall II, che, affrancato per una volta dal ruolo di “secondo” di Eric Clapton, qui condivide l’onere e l’onore con lo stesso Burnett.

Allman appare in buona forma vocale (prima dell’intervento chirurgico al fegato subìto proprio dopo le registrazioni) e perfettamente calato in uno stile che gli sta a pelle. Tutta la band è di alto livello, a cominciare dal piano del Dr. John “Mac” Rebennack; ma il responsabile principale del sound generale è forse il contrabbasso legnoso di Dennis Crouch (John Fogerty, Willie Nelson, Elvis Costello, Vince Gill, Elton John, Leon Russell, Loretta Lynn, Bill Frisell, Marc Ribot), mentre la batteria è affidata a Jay Bellerose (Solomon Burke, Robert Plant, Suzanne Vega), entrambi usuale sezione ritmica di Burnett.

Nella ricostruzione di arrangiamenti e sonorità appropriate si inseriscono anche cori femminili, la chitarra di Vincent “Esquire” Esquer, ospite in un pezzo, il Dobro di Colin Linden e il mandolino di Mike Compton. Si aggiunga a tutto ciò una bilanciata sezione fiati, il solido organo Hammond del leader e una registrazione con dinamica e “aria” da vendere… Senza ombre di cedimento, il lavoro culmina nel traditional Rolling Stone, in una versione che puzza di piedi pestati sull’impiantito e “acque fangose”, degna conclusione per uno dei dischi blues più belli e sinceri degli ultimi anni.

Fabrizio Dadò da Axe Magazine n.165© Edizioni Palomino

Promuovi la cultura e goditi contenuti esclusivi

Musicoff Patreon

Instagram

Error validating access token: The session has been invalidated because the user changed their password or Facebook has changed the session for security reasons.

MUSICOFF NETWORK

Musicoff Discord Community Musicoff Channel on YouTube Musicoff Channel on Twitch Musicoff Channel on Facebook Musicoff Channel on Instagram Musicoff Channel on Twitter