I migliori album del 2011

I migliori album del 2011
Le feste natalizie sono molto vicine, ma spero non abbiate già spedito la vostra letterina per Babbo Natale! Prima di farlo infatti vi consiglio di dare un'occhiata agli album qui sotto, i migliori, a mio parere, usciti in questo 2011, e magari prendere in considerazione di aggiungerli, se c'è ancora un po' di spazio, alla vostra lista dei desideri. Naturalmente come ogni “classifica” sarà caratterizzata da alcune assenze che qualcuno reputerà ingiuste, e da alcune presenze che qualcun'altro riterrà generose. Nelle mie scelte ho cercato di premiare la qualità nelle sue forme meno scontate, passando attraverso numerosi generi, così da coprire tutti i gusti, anche se è inevitabile che qualcosa mi sia sfuggito vista la mole di album presi in considerazione. Però posso promettervi che ognuno di voi ci troverà sicuramente una piccola perla, e magari scoprirà il suo “disco dell'anno”. Per facilitare la consultazione gli album sono divisi per generi, sia più generali che al loro interno. L'ordine è comunque casuale e non meritocratico: si tratta di una selezione più che di una classifica. Vi consiglio però di non soffermarvi sul vostro genere prediletto, ma di osservarli tutti, pescare qua e là e ricercare qualche brano anche di categorie e artisti che non conoscete; si tratta di album di grande qualità, quindi potreste trovarvi tra le mani qualcosa di gradito anche pescando a caso in questo grande forziere.

Pop e dintorni Non sottovalutate questa categoria, che quest'anno ha prodotto dischi di altissima qualità. Kate Bush arricchisce la sua discografia dell'ennesima opera d'arte, anche se a farla da padrone sono sopratutto i giovani, con un Pop libero, fantasioso, orecchiabile ma allo stesso tempo ricco di contenuti:
  • Kate Bush - “50 Words for Snow” (Art Pop)                    
  • Florence + The Machine - “Ceremonials” (Art Pop)
  • St. Vincent - “Strange Mercy” (Art Pop)
  • tUnE-YarDs – “w h o k i l l” (Art Pop)
  • Björk - “Biophilia” (Art Pop)
  • Feist - “Metals” (Art Pop)
  • Destroyer - “Kaputt” (Art Pop)
  • Youth Lagoon - “The Year of Hibernation” (Dream Pop)            
  • Adele - “21” (Pop Soul, il successo ogni tanto ha una certa qualità)       
  • PJ Harvey - “Let England Shake” (Folk-Pop)                    
  • Bon Iver - “Bon Iver, Bon Iver” (Folk-Pop)
  • Beirut - “The Rip Tide” (Folk-Pop)       
  • Gang Gang Dance - “Eye Contact” (Experimental Pop)
  • M83 - “Hurry Up, We're Dreaming” (Synth Pop)     
  • John Maus - “We Must Become the Pitiless Censors of Ourselves” (Synth Pop, dal sapore vintage)
  • Chad VanGaalen - “Diaper Island” (Indie Pop)
  • Girls - “Father, Son, Holy Ghost” (Indie rock/ Pop)           
  • Cults - “Cults” (Indie Pop)
  • Laura Stevenson and the Cans - “Sit Resist” (Indie Pop)
  • Armistice - “Armistice” (Indie Pop)

Rock e dintorni Il Rock non è morto e qui ce n'è per tutti i gusti: chi sente la mancanza dell'Hard Rock dei bei tempi, oltre i soliti noti, non si può perdere i Graveyard e The Black Keys. Il Progressive ha tre album di grande qualità e le nuove correnti hanno dato dei risultati assolutamente ottimi: provare per credere!
  • Tom Waits - “Bad As Me” (Experimental Rock)
  • The Horrible Crowes - “Elsie” (Rock)     
  • The Devil’s Blood -The Thousandfold” (Psychedelic Rock)    
  • Thee Oh Sees - “Carrion Crawler / The Dream” (Psychedelic Rock)    
  • Black Country Communion - “2” (Hard Rock)                  
  • Richie Kotzen - “24 Hours” (Hard Rock)  
  • Graveyard - “Hisingen Blues” (Hard           Rock)
  • The Black Keys - “El Camino” (Blues Rock)
  • Joe Bonamassa - “Dust Bowl” (Blues Rock)
  • Opeth - “Heritage” (Progressive Rock)     
  • Neal Morse - “Testimony Two” (Progressive Rock)        
  • Steven Wilson - “Grace for Drowning” (Progressive Rock)
  • Fleet Foxes - “Helplessness Blues” (Indie Folk)
  • Andrew Jackson Jihad - “Knife Man” (Indie Folk /Rock)
  • Frank Turner - “England Keep My Bones” (Folk Punk)
  • The Dear Hunter - “The Color Spectrum” (Alternative Rock)      
  • Wilco - “The Whole Love” (Alternative Rock)
  • Thursday - “No Devolución” (Alternative Rock)
  • Trophy Scars - “Never Born, Never Dead” (Alternative Rock, EP)
  • Hey Rosetta! - “Seeds” (Alternative/Indie Rock)  
  • Bomb the Music Industry! - “Vacation” (Punk Rock)
  • Primus -  “Green Naugahyde” (Funk Rock)         
  • Real Estate - “Days” (Indie Rock
  • Manchester Orchestra - “Simple Math” (Indie Rock)
  • The Jezabels - “Prisoner” (Indie Rock)
  • The War on Drugs - “Slave Ambient” (Indie Rock)
  • WU LYF - “Go Tell Fire to the Mountain” (Indie Rock)
  • The Antlers - “Burst Apart” (Indie Rock)
  • The Horrors - “Skying” (Post-Punk)         
  • Maybeshewill - “I Was Here For a Moment, Then I Was Gone” (Post-Rock)
  • La Dispute - “Wildlife” (Post-Hardcore)    
  • Thrice - “Major/Minor” (Post-Hardcor)       
  • Touché Amoré - “Parting The Sea Between Brightness And Me” (Post-Hardcore)

Metal e dintorni Non ci saranno Metallica e Dream Theater (anche se a quest'ultimi bisogna riconoscere il buon album di quest'anno) ma il Thrash e il Progressive sono in mani assolutamente ottime, anche se meno conosciute. Il Death è assai vivo, sopratutto nelle sue forme più tecniche, come del resto tutte le altre correnti: ogni tipo di metallaro ha pane per i suoi denti!
  • East of the Wall - “The Apologist” (Progressive/Sludge Metal)  
  • Haken - “Visions” (Progressive Metal)
  • Cynic - “Carbon-Based Anatomy” (Progressive Metal, EP)
  • Devin Townsend - “Deconstruction” (Progressive Metal)
  • Scale the Summit - “The Collective” (Progressive Metal)
  • The Human Abstract - “Digital Veil” (Progressive Metal)
  • Leprous - “Bilateral” (Progressive Metal)
  • Mastodon - “The Hunter” (Progressive Metal)     
  • Thy Catafalque - “Rengeteg” (Progressive Metal)
  • Between the Buried and Me - “The Parallax: Hypersleep Dialogues” (Progressive Metal, EP)
  • Memfis - “Vertigo” (Progressive Metal)    
  • Textures - “Dualism” (Progressive Metal)
  • Animals as Leaders - “Weightless” (Progressive Metal)
  • Protest the Hero - “Scurrilous” (Progressive Metal)
  • Symphony X - “Iconoclast” (Progressive Metal)
  • Vektor - “Outer Isolation” (Thrash Metal)
  • Revocation - “Chaos of Forms” (Thrash Metal)
  • Anthrax - “Worship Music” (Thrash Metal)
  • Warbringer - “Worlds Torn Asunder” (Thrash Metal)     
  • Skeletonwitch - “Forever Abomination” (Thrash Metal)
  • Havok - “Time is Up” (Thrash Metal)          
  • Machine Head - “Unto the Locust” (Groove Metal)
  • Ulcerate - “The Destroyers of All” (Technical Death Metal)
  • Septic Flesh - “The Great Mass” (Death Metal)
  • Beyond Creation - “The Aura” (Technical Death Metal)
  • Obscura - “Omnivium” (Technical Death Metal)
  • Decapitated - “Carnival is Forever” (Technical Death Metal)     
  • The Black Dahlia Murder - “Ritual” (Melodic Death Metal)
  • Insomnium -  “One For Sorrow” (Melodic Death Metal)
  • Fuck the Facts - “Die Miserable” (Grindcore)           
  • Esoteric - “Paragon of Dissonance” (Funeral Doom Metal)                    
  • 40 Watt Sun - “The Inside Room” (Doom Metal)
  • SubRosa - “No Help For the Mighty Ones” (Doom Metal)
  • Uncle Acid and the Deadbeats - “Blood Lust” (Traditional Doom Metal)        
  • Corrupted - “Garten Der Unbewusstheit” (Drone Doom Metal)
  • The Atlas Moth - “Coffin Varnish” (Atmospheric Sludge Metal)
  • Wolvhammer - “The Obsidian Plains” (Sludge Metal, Black Metal)
  • Rwake - “Rest” (Atmospheric Sludge Metal)
  • Deafheaven - “Roads to Judah” (Blackgaze)
  • Blut Aus Nord 777 - “Sect(s)” (Black Metal)
  • Absu - “Abzu” (Thrash /Black Metal)
  • Wolves in the Throne Room - “Celestial Lineage” (Atmospheric Black Metal)
  • Moonsorrow - “Varjoina kuljemme kuolleiden maassa” (Folk Metal)
  • Primordial - “Redemption at the Puritan's Hand” (Folk Metal)
  • Fair To Midland - “Arrows and Anchors” (Alternative Metal)
  • Cave In - “White Silence” (Metalcore/Post-Hardcore)      
  • Meek is Murder - “Algorithms” (Mathcore)

Elettronica, Dubstep e dintorni L'Elettronica di qualità ha un pubblico veramente di nicchia, e stanarla non è affatto semplice; ma quando ci si riesce si hanno sempre grandi soddisfazioni. Il Dubstep è di tendenza, e finché la qualità è questa si tratta di una moda niente male:
  • Radiohead - “The King of Limbs” (Elettronica/Experimental Rock)                    
  • The Field - “Looping State of Mind” (Elettronica)
  • SebastiAn - “Total” (Elettronica)
  • Nicolas Jaar - “Space Is Only Noise” (Elettronica)
  • The Weeknd - “House Of Balloons” (Elettronica)
  • Sepalcure - “Sepalcure” (Dubstep)
  • Swarms - “Old Raves End” (Dubstep)
  • James Blake - “James Blake” (Dubstep)
  • Cliff Martinez - “Drive” (Colonna Sonora, Ambient, Elettronica)

Hip Pop Se immaginate pseudo-gangster con le catene al collo siete piuttosto fuori strada... oddio forse alcuni di loro... comunque, ecco, non è l'unica cosa per cui fanno parlare di loro: qui ci sono rime degne di questo nome e basi devastanti.
  • Nujabes - “Spiritual State” (Jazz Rap)       
  • Shabazz Palaces - “Black Up” (Experimental Hip Hop)
  • Tech N9ne - “All 6's and 7's” (Hardcore Hip Hop)
  • Big K.R.I.T. - “ReturnOf4eva” (Southern Hip Hop)
  • CunninLynguists - “Oneirology” (Southern Hip Hop)
  • The Roots - “Undun” (East Coast Hip Hop)

Jazz, virtuosi e sperimentazioniQuesta categoria contiene molti generi diversi, tutti accumunati però da un grandissimo gusto e intraprendenza nelle composizioni. A prescindere da i vostri gusti, questi artisti andrebbero premiati con un ascolto, anche perché potreste trovare in loro una grande ispirazione.
  • Auktyon - “Top (Yula)” (Avant-Folk, Art Rock)
  • The Aristocrats - “The Aristocrats” (Jazz Fusion)                       
  • Rome - “Die Æsthetik der Herrschaftsfreiheit” (Neofolk)
  • Giles Corey - “Giles Corey” (Psychedelic Folk)
  • Matana Roberts - “Coin Coin Chapter One - Gens de couleur libres” (Avant-Garde Jazz)
  • Colin Stetson - “New History Warfare, Vol 2: Judges” (Experimental)
  • Oneohtrix Point Never - “Replica” (Ambient)
  • A Winged Victory for the Sullen - “A Winged Victory for the Sullen” (Ambient)
  • Tim Hecker - “Ravedeath, 1972” (Ambient)          
  • Tenhi - “Saivo” (Dark Folk)

Made in Italy Qui di inglese c'è solo il titolo (e in verità anche più di qualche testo di questi gruppi), la musica italiana ci dà più di qualche soddisfazione in molti generi, e sarebbe un bel guaio se proprio noi che dovremmo supportarli di più li ignorassimo:
  • Accordo Dei Contrari - “Kublai” (Progressive Rock)
  • Höstsonaten - “Summereve” (Symphonic Prog)
  • Ske - “1000 Autunni” (Progressive Rock)
  • La Coscienza di Zeno - “La Coscienza di Zeno” (Symphonic Prog)
  • Verdena - “WOW” (Alternative Rock)
  • Aucan – “Black Rainbow” (Math Rock)
  • Vinicio Capossela - “Marinai, Profeti e Balene” (Cantautoriale)
  • Paolo Benvegnù - “Hermann” (Cantautoriale)
  • Rhapsody of Fire - “From Chaos to Eternity” (Power Metal)
  • Progenie Terrestre Pura - “Promo 2011” (Atmospheric Black Metal)
  • Lento - “Icon” (Atmospheric Sludge Metal)
  • Fleshgod Apocalypse - “Agony” (Symphonic Death Metal)
  • Raein - “Sulla linea d'orizzonte tra questa mia vita e quella di tutti” (Screamo)
  • Lucy - “Wordplay for Working Bees” (Minimal Techno)

Buon ascolto musicoffili!Francesco "Forsaken_In_A_Dream" Cicero

Tags


Autore