Francesco Di Bella - Francesco Di Bella & Ballads Cafè

Francesco Di Bella - Francesco Di Bella & Ballads Cafè
Dopo una militanza tra le fila dei 24 Grana durata quasi un ventennio, Francesco Di Bella ha avvertito l’esigenza di intraprendere un nuovo preciso percorso musicale. E lo ha fatto sostanzialmente perché la sensazione che fosse arrivato il momento di assecondare i propri istinti sonori ed autoriali è divenuta giorno dopo giorno sempre più forte, incessante. Il primo passo ufficiale della sua nuova carriera solista è così rappresentato da un album molto raffinato ed elegante intitolato Francesco Di Bella & Ballads Cafè ed uscito lo scorso 19 novembre per La Canzonetta/Sintesi 3000.



Come si evince dal titolo, per questo progetto discografico l’autore campano si è avvalso dell’apporto di un nutrito numero di ottimi musicisti (i Ballads Cafè per l’appunto) che, con estrema sensibilità, sono riusciti a donare la giusta veste agli undici pezzi che hanno trovato posto nella raccolta. Trattasi, nello specifico, di componimenti ben noti a quelle persone che hanno seguito per anni e con passione l’affascinante, imprevedibile parabola artistica dei 24 Grana. Se si esclude infatti l’inedito del 2008 Napule Se Sceta (probabile outtake del capolavoro Ghostwriters), Francesco Di Bella & Ballads Cafè risulta essere un contenitore di eccelse rivisitazioni di alcuni dei brani obiettivamente più belli e intensi – e importanti – della band partenopea. Attenzione però: non si consideri Francesco Di Bella & Ballads Cafè una sottospecie di “best of” furbo e mascherato, magari realizzato con superficialità. La cosa certa è che siamo di fronte ad un album che innanzitutto denota una compattezza, un’omogeneità ed una coerenza incredibili.

Inoltre la scelta dei pezzi da rielaborare non è dipesa tanto dalla celebrità dei singoli brani, quanto piuttosto dalla percezione che, se riarrangiate in un certo modo, determinate canzoni avrebbero sicuramente rappresentato al meglio quel carattere intimista e confidenziale a cui l’artista classe ’74 puntava ancor prima di entrare in studio. Bisogna ammettere che, da questo punto di vista, l’obiettivo è stato pienamente raggiunto. Nonostante sia venuta meno quell’impronta “graffiante” e “spigolosa” che ha sicuramente fatto la fortuna di un ensemble eclettico quale i 24 Grana, è semplicemente favoloso il taglio che canzoni originariamente ipnotiche come La Costanza, Kevlar e Introdub hanno assunto grazie al lavoro certosino effettuato in sala d’incisione.



E qui gran parte del merito va sicuramente attribuito proprio ai musicisti che hanno raggiunto Di Bella e il produttore artistico del cd Daniele Sinigallia presso Gli Artigiani Studio di Formello. Le sfumature che persone come Andrea Pesce, Alessandro Innaro, Alfonso “Fofò” Bruno, Marjorie Biondo e Cristiano De Fabritiis (alias “Defa”) sono riuscite a conferire a Vesto Sempre Uguale, L’Alba e Luntano, piuttosto che ad Accireme e Canto Pe’ Nun Suffrì (giusto per citare qualche traccia) sono a dir poco intriganti, calde, coinvolgenti. C’è poco da fare. Interpretazione, esecuzione, suono, scelta degli strumenti: tutto sembra essere impeccabile. Ed ecco allora che il disco scorre che è una meraviglia. Ascoltando e contemplando Francesco Di Bella & Ballads Cafè si respira, si scorge un mix di malinconia, delicatezza e serenità davvero curioso ma, al contempo, più che convincente. E qui si riconferma dunque quella percezione già espressa sopra: questa produzione è tutt’altro che da considerarsi una raccolta assemblata in fretta e furia. Qui c’è grande perizia. Qui regna la professionalità.



Regna la sincerità, e quindi la voglia di fare cose magari non eccessivamente complesse, però, in ogni caso, neanche così elementari come qualche scettico di turno potrebbe facilmente andare a pensare. Un album puro insomma. Un album pensato e suonato in maniera sublime e, per di più, in presa diretta. Scelta, questa, che ha automaticamente accentuato l’intensità dei colori e delle sfumature delle canzoni. Va da sé che a questo punto, alla luce di quanto ammirato in questo Lp d’esordio, il desiderio di ascoltare quanto prima dei veri e propri inediti targati Di Bella (& Ballads Cafè) sia elevato. Tuttavia bisogna dare tempo al tempo. Si tratta cioè di pazientare un po’, anche perché, si sa, per dare vita a dei signori album servono sicuramente tranquillità e ispirazione. Nel frattempo sale comunque la curiosità di sentire come suonerà dal vivo il disco.
In conclusione: meglio di così non si poteva partire. Alessandro BasileGenere: Alternative, Canzone D’Autore, Folk Rock Line-up: Francesco Di Bella – voce, armonica
Alfonso Bruno – chitarre, lap steel guitar
Daniele Sinigallia – chitarre
Marjorie Biondo – cori
Andrea Pesce – tastiere, pianoforte
Alessandro Innaro – basso
Cristiano De Fabritiis – batteria, percussioni

Progetti simili consigliati: Marcello Capozzi, Foja, Francesco Forni, GnutTracklist:1. Vesto Sempre Uguale
2. L’Alba
3. La Costanza
4. Luntano
5. Kevlar
6. Accireme
7. Napule Se Sceta
8. Carcere
9. Canto Pe’ Nun Suffrì
10. Introdub
11. Resto Acciso

Tags


Autore