Montaggio corde su Floyd Rose

Montaggio corde su Floyd Rose
Il Floyd Rose - come tutti i suoi cloni Floyd Rose Licensed - fluttua in bilico fra la tensione delle corde da una parte e quella delle molle dall'altra. L'assetto ideale prevede che la base del ponte sia parallela alle corde ed al top dello strumento. 
Un minimo di cambiamento di tensione di una delle due parti, come la rottura di una corda, il cambio delle corde con una muta di calibro più grosso o sottile, scordature o accordature diverse da quella cui il ponte era stato regolato in origine, causeranno uno squilibrio del sistema che andrà nuovamente regolato.
Se posizionate un supporto sotto il ponte, cosa che vi consiglio vivamente di fare, potete sostituire le corde sia una alla volta che tutte insieme. Se non intendete utilizzare un supporto vi suggerisco di sostituire una corda alla volta. In ogni caso sarà altamente consigliabile utilizzare una muta identica, come modello e marca, a quella che avevate montato in origine.
Per la sostituzione delle corde Sul Floyd Rose operate come segue:
  • Se potete, sostituite una corda per volta riaccordando ad ogni corda sostituita
  • Prima di accordare ricordatevi di posizionare i fine tuning a mezza corsa e di imbracciare la chitarra in posizione di uso (non, per esempio, sdraiata su un tavolo)
  • Sia che sostituiate tutte le corde in una sola volta, sia che le sostituiate una per volta, posizionate possibilmente un basamento di plastica mobile sotto il ponte
  • Posizionate i fine tuning a mezza corsa
  • Utilizzando le apposite brucole di regolazione in dotazione allentate le viti di bloccaggio al capotasto/bloccacorde
  • Con la stessa brucola allentate la vite di bloccaggio della corda al ponte, posizionata dietro alla selletta, quindi rimuovete la vecchia corda
  • Tagliate il nottolino di ancoraggio della nuova corda
  • Infilate la nuova corda nella selletta del ponte e bloccate, facendo attenzione che nella fessura non vi siano pezzi della corda precedente i quali andranno eventualmente rimossi
  • Montate la corda e accordate
  • Ripetere l'operazione per tutte le altre corde riaccordando ogni volta
  • Imbracciate la chitarra in posizione d'uso (se non l'avete già fatto)
  • Accordate accuratamente tirando nuovamente le corde per assestarle il più possibile
  • Una volta accordato, sinceratevi che la base del ponte sia parallela alle corde (potrebbe non esserlo se avete cambiato muta di corde o marca)
  • Se il ponte tende ad alzarsi stringete, girandole in senso orario, le viti delle molle sul retro dello strumento inserendo un cacciavite a stella nelle apposite fessure. Se tende ad abbassarsi tirate le viti in senso antiorario
  • Procedete per tentativi accordando ogni volta e tenendo la chitarra in posizione d'uso
  • A questo punto, se necessita, procedete con l'intonazione delle ottave (Ne parleremo nella prossima lezione)
  • Bloccate le viti al capotasto e accordate utilizzando il fine tuning
  • Se vi trovaste a fondo corsa con uno dei fine tunings, occorrerà liberare di nuovo la corda al capotasto, riposizionare il fine tuning di quella corda a mezza corsa, riaccordare alla paletta, ribloccare la corda al capotasto e riaccordare con il fine tuning.

    Un trucco: se vi trovaste fondo corsa con quasi tutti i fine tuning in una qualsiasi delle due direzioni, prima di sbloccare nuovamente le corde al capotasto, provate ad utilizzare per acquistare margine, le viti delle molle. Procedete come segue: se uno o più fine tuning sono al massimo della corsa riportateli a metà, controllate poi l'accordatura delle corde interessate; se la media fosse calante avvitate leggermente le viti, viceversa se fossero crescenti. Controllate ed accordate di conseguenza anche le altre corde.

    Alla prossima lezione MusicOffili!

    Galeazzo Frudua risponde on line tutti i giorni a quesiti sulla liuteria all'interno della sua board.

    Tags


    Autore


    Redazione

    La redazione di MusicOff è composta da molte menti, molte persone, molti sforzi, che uniti riescono a creare questo magnifico mondo virtuale e il suo universo "editoriale", nella speranza di dare sempre il meglio, in totale trasparenza e onestà, in modo che Moff sia davvero per tutti un valore speciale!