I Tropicana Days di Tom Waits e Rickie Lee Jones

I Tropicana Days di Tom Waits e Rickie Lee Jones

La Warner pubblica l'album di debutto di Rickie Lee Jones, affascinante e sofisticatissima cantautrice nata a Chicago ma californiana d'adozione. Prodotto da due maghi come Lenny Waronker e Russ Titelman, il disco mostra il talento di Rickie e la sua originale miscela sonora nella quale convivono rock, jazz e musica d'autore.

Nel giro di poche settimane, l'album balza ai primi posti delle classifiche grazie anche alla gradevolezza del brano d'apertura, Chuck E's In Love.
Canzone autobiografica, Chuck E's In Love racconta i giorni in cui Rickie Lee Jones, Tom Waits e Chuck E. Weiss (il songwriter protagonista del pezzo che, all'epoca, faceva il cameriere al Troubadour, celebre locale di West Hollywood) vivono una stravagante storia d'amore a tre al Tropicana Motel, sul Santa Monica Boulevard.

Immersi nei fumi dell'alcol, persi tra droghe varie, Tom Waits e Rickie Lee Jones sono la classica coppia di artisti eccentrici. Il pacato Chuck E. attende il proprio turno. Perché, come racconta la canzone, si comporta in modo strano, si atteggia e cammina in maniera diversa dal solito, si è persino cotonato i capelli. "Ebbene sì", canta Rickie, "mi sa che Chuck E è innamorato. Ma chi sarà la fortunata?".
Solo nell'ultima strofa, la Jones ammette che "Chuck E si è innamorato della ragazza che canta questa canzone. Già, Chuck E. si è innamorato di me".

A quasi 30 anni di distanza, Rickie Lee Jones non parla dei giorni del Tropicana Motel. Nelle interviste, rifiuta di rispondere a domande su Tom Waits e, quasi a prendere definitivamente le distanze dal proprio passato, in concerto rarissimamente propone Chuck E's In Love. Che per altro rimane, ancora oggi, il più grande successo della sua carriera.


Cover photo by Andrea Lehne - CC BY 2.0

Tags


Autore


Jam TV

Jam Viaggio Nella Musica è stato uno dei più autorevoli magazine di rock e dintorni. Nato nell'ottobre 1994 sulle ceneri del bimestrale Hi, Folks!, ha guardato alle esperienze delle testate anglo-americane Mojo, Uncut, Musician. È stato un punto di riferimento per gli appassionati di rock "classico" e di quegli artisti che ne tengono viva l'eredità. Da gennaio 2014 continua la sua avventura sul web e dal 1° febbraio 2016 si evolve nella Jam TV (www.jamtv.it).