Il blues dei nostri Buskers colpisce anche di notte

Il blues dei nostri Buskers colpisce anche di notte

Ve lo avevamo detto che non sarebbe finita agli AC/DC, le nostre scorribande musicali infatti continuano, stavolta in notturna. Le chitarre dei nostri Highway Buskers stavolta parcheggiano su un prato e in mezzo a luci soffuse interpretano "Gonna Run" dei mitici Ten Years After di Alvin Lee.

Sempre in viaggio, sempre in musica. Potrebbe essere il nostro nuovo motto oramai. Per fortuna, non ci mancano i mezzi per filmare il tutto e condividere con voi un po' della musica che ci piace fare.
"Gonna Run" è un pezzo che abbiamo improvvisato sotto la guida del nostro bluesman di Redazione, Stefano Tavernese, che con la sua chitarra slide ci regala sempre delle perle. Il brano, per chi se lo stesse chiedendo, è contenuto nell'album Watt del 1970, anche se in forma ben diversa dalla nostra. Ma è anche questo lo spirito del blues, farsi guidare dal cuore e dall'istinto e, mano allo strumento, lasciarsi andare.

E, decisamente, ci siamo lasciati andare su quel prato notturno, illuminato solo attraverso alcuni boccacci di vetro illuminati frutto di uno stratagemma del nostro regista di sempre, Thomas "Doc" Colasanti.
A farla da padrona, oltre alla suddetta slide, sono le chitarre elettriche di Francesco Savarese e Fabrizio Ranieri, anch'esse amplificate come negli scorsi video dai piccoli miniamp Blackstar e Marshall da viaggio (un must have!).

Accanto alle chitarre, le percussioni. Come sempre Colasanti munito del suo Alma Cajon e, proprio al centro, il nostro Antonio Cangiano, ultimo acquisto della Redazione ma come se fosse con noi già da anni.

Che dire quindi, long live blues, long live Musicoff!


Commenta