HomeMusica e CulturaDischi & LibriSmith, Saft, Morris, Pandi – Red Hill

Smith, Saft, Morris, Pandi – Red Hill

Rare Noise Record non è nuova a questo tipo di uscite: musicisti di spessore che incidono in diretta dallo studio lasciando spazio al proprio estro, addentrandosi nel terreno dell'improvvisazione free; anche questo è il caso di Red Hill (uscito il 23 settembre 2014) cui sono presenti artisti non nuovi alla casa di pr

Rare Noise Record non è nuova a questo tipo di uscite: musicisti di spessore che incidono in diretta dallo studio lasciando spazio al proprio estro, addentrandosi nel terreno dell’improvvisazione free; anche questo è il caso di Red Hill (uscito il 23 settembre 2014) cui sono presenti artisti non nuovi alla casa di produzione londinese pur non avendo mai suonato assieme: Wadada Leo Smith alla tromba, Jamie Saft al piano e al Rodhes, Balázs Pandi alle pelli e Joe Morris al contrabbasso.Il background musicale dei quattro è simile, tra collaborazioni con John Zorn e altri grossi esponenti della scena free jazz e avant-gard internazionale. L’album inizia con il brano “Gneiss“, in cui, a partire dalla sordinata e stridula tromba di Leo Smith, si inseriscono in maniera apparentemente scollegata gli altri strumenti, a delineare un’atmosfera inquietante e tetra, tra le blue notes del piano e il fluire ritmico in costante evoluzione.Essenziale nella seconda traccia, “Jenus Face“, è l’apporto della batteria dove le frenetiche rullate e il percuotere sconnesso dei piatti costituiscono la sbilenca base su cui gli altri musicisti poggiano le loro escursioni fuori tonalità, alternando momenti di quiete introspettiva a squarci rumoristici, che portano a un tumultuoso crescendo finale. È sempre il drumming di Pandi a fare da collante fra le scorribande sonore dei vari strumenti, che giungono anche a momenti più lirici e intelligibili, ricordando il Miles Davis di Bitches Brew, come in “Agpaitic” o nella rarefatta “Debts of Honor“.La tumultuosa “Arfedsonite“, con l’apporto lirico della tromba di Leo Smith e le tirate espressionistiche e noise di Saft, conclude Red Hill, album pregevole seppur ostico e sicuramente non adatto a tutti i momenti o a tutti i palati. Un “panta rei” musicale capace di evocare tanto lande brumose e deserte quanto ambienti caotici e metropolitani che val la pena ascoltare per lasciarsi trasportare dall’estroso stream of consciousness dei quattro musicisti.Pasquale VaccaroGenere: Free Jazz, Free Improvisation, Avant-Gard JazzTracklist:
1. Gneiss
2. Jenus Face
3. Agpaitic
4. Tragic Wisdom
5. Debts of Honor
6. ArvfedsoniteLineup:
Wadada Leo Smith (tromba)
Jamie Saft (pianoforte, piano Rodhes)
Balazs Pandi (batteria)
Joe Morris (contrabasso)

Promuovi la cultura e goditi contenuti esclusivi

Musicoff Patreon

Instagram

Error validating access token: The session has been invalidated because the user changed their password or Facebook has changed the session for security reasons.

MUSICOFF NETWORK

Musicoff Discord Community Musicoff Channel on YouTube Musicoff Channel on Twitch Musicoff Channel on Facebook Musicoff Channel on Instagram Musicoff Channel on Twitter