HomeMusica e CulturaDischi & LibriLe sculture estemporanee di Aaron Comess

Le sculture estemporanee di Aaron Comess

Prendete un batterista decisamente beat-oriented, un tastierista alle prese con la sua creatura, un sintetizzatore chiamato Samchillian Tip Tip Tip Cheepeee, e lasciateli liberi di inventare musica in uno studio di Brooklyn: ne ricaverete un album sorprendente quale Sculptures, ultimo lavoro firmato da Aaron Comess.

Prendete un batterista decisamente beat-oriented, un tastierista alle prese con la sua creatura, un sintetizzatore chiamato Samchillian Tip Tip Tip Cheepeee, e lasciateli liberi di inventare musica in uno studio di Brooklyn: ne ricaverete un album sorprendente quale Sculptures, ultimo lavoro firmato da Aaron Comess.

Noto per il groove solido e personale esibito come batterista al servizio di Spin Doctors, Joan Osborne, James Maddock, Rachael Yamagata e altri, Comess ha già all’attivo diversi lavori solisti in trio e quintetto, oltre a far parte del collettivo di improvvisatori Air Conditioned Gypsies.

Le sculture estemporanee di Aaron Comess

Con Sculptures il musicista texano inaugura una nuova formazione, dedita – come gli altri progetti a suo nome – a creare ed eseguire musica strumentale dalla forte vocazione melodica, in questo caso incentrata sul suono inusitato del Samchillian (sorta di master keyboard alfanumerica in grado di suonare accordi o fraseggi melodici, come anche di far partire campionamenti ritmici, eccetera…).

Fondamentale quindi l’apporto all’album di Leon Gruenbaum, inventore di uno strumento capace di generare suoni ariosi ed evocativi, a sostegno dei quali Aaron Comess stende i suoi groove binari, in alcuni casi volutamente grezzi e dritti (come in “Dogs”), in altri decisamente  asimmetrici, fantasiosi e ‘mossi’, un po’ alla Chris Dave maniera (“Sculptures”, “Wacky”).

Le sculture estemporanee di Aaron Comess

Ma questo delle improvvisazioni a due è solo un aspetto di un album a tre facce, che grazie all’aggiunta di Grey McMurray alla chitarra elettrica, di Oli Rockberger al Fender Rhodes e di John Davis al basso si arricchisce sia di momenti quasi folk rock (“Berlin” e “Falling Leaves”, con Comess impegnato anche alla chitarra acustica) sia di brani dalla struttura più elaborata (“Soundcheck-Oceans”, The Beast” o “The Pink Room), tutti comunque caratterizzati da parti batteristiche mai scontate e dal drumming sempre molto musicale del leader.
Da ascoltare!


Aaron Comess Official Website

Promuovi la cultura e goditi contenuti esclusivi

Musicoff Patreon

Instagram

Error validating access token: The session has been invalidated because the user changed their password or Facebook has changed the session for security reasons.

MUSICOFF NETWORK

Musicoff Discord Community Musicoff Channel on YouTube Musicoff Channel on Twitch Musicoff Channel on Facebook Musicoff Channel on Instagram Musicoff Channel on Twitter