HomeMusica e CulturaArtisti - NewsNon è mai troppo tardi per del buon Progressive
Illusion of Gravity Too Late progressive album

Non è mai troppo tardi per del buon Progressive

Il disco che ascoltiamo oggi ci ricorda come, pur con tutte le varianti che il passare del tempo ha introdotto, il Prog sia un genere che non passa di moda.

Si intitola Too Late l’album di esordio degli Illusion of Gravity, band torinese formatasi nel 2013 ma che soltanto in tempi più recenti ha concretizzato l’esigenza di un prodotto inedito, dopo il primo periodo dedicato con soddisfazione alla performance di cover di grandi artisti del genere: dagli storici e pressochè obbligati Pink Floyd e Genesis fino ai più moderni Porcupine Tree, passando per eccellenze nazionali come la PFM.

Punti di riferimento forti le cui caratteristiche si percepiscono chiaramente nel primo lavoro originale di questo quintetto composto da Federico Aluzzi (voce e chitarra ritmica), Alessandro Cascella (chitarra solista), Umberto Alberto (tastiere), Gabriele Zuddas (basso) e Davide Garofalo (batteria).


È dunque inevitabilmente prog il disco, e qualcuno potrebbe già intuirlo dalla durata delle singole tracce: ma non c’è rischio di annoiarsi perchè la musica si dimostra tutt’altro che pigra anche nei momenti più atmosferici, capace quindi di accontentare tanto i palati fini della vecchia scuola quanto quelli più moderni della generazione affine agli ambienti progressive metal.

Il livello produttivo si presenta all’altezza di un progetto musicale ambizioso, con un’accurata attenzione nei confronti della qualità dei suoni e della presenza di ogni strumento nel mix: non si percepisce mai un senso di competizione tra l’uno o l’altro, bensì una costante ricerca di armonia attraverso rispettose spaziature nei momenti di assolo (a tratti di abilità davvero notevole) e un ottimo bilanciamento generale del contributo di ciascuno dei bravissimi esecutori.

Con questo disco gli Illusion of Gravity dimostrano di aver appreso in maniera consapevole le lezioni impartite dai grandi ispiratori del progetto, come ad esempio l’importanza di rispettare i reciproci contributi individuali senza scadere nella facile emulazione o nel tecnicismo fine a sè stesso: questo accade quando dietro un progetto ci sono menti musicali mature e consapevoli, le quali direzionano in maniera spontanea i rispettivi sforzi verso il vero obiettivo, che è quello di fare musica di qualità ed emozionante.

Ed emoziona eccome Too Late, forse proprio perchè frutto di un gruppo capace dosare con grande equilibrio l’importante potenziale a disposizione, lasciando all’ascolto un sano sapore di realizzazione e di appagamento non sempre scontato in produzioni di questo livello tecnico.
Alla luce di queste ottime premesse facciamo agli Illusion of Gravity il nostro miglior “in bocca al lupo” per il proseguimento delle attività, augurandoci che questo album sia solo la prima pietra.

6 Commenti

Click here to post a comment

Ultimo video pubblicato

Instagram

Error validating access token: The session has been invalidated because the user changed their password or Facebook has changed the session for security reasons.

MUSICOFF NETWORK

Musicoff Discord Community Musicoff Channel on YouTube Musicoff Channel on Twitch Musicoff Channel on Facebook Musicoff Channel on Instagram Musicoff Channel on Twitter