HomeMusica e CulturaDischi & LibriUsciva 45 anni fa il primo album dei Roxy Music

Usciva 45 anni fa il primo album dei Roxy Music

Una fotomodella – Kari-Ann Muller – in copertina, prima in una serie di cui avrebbero fatto parte in seguito Amanda Lear e Jerry Hall. Estratto il disco dall'involucro e messo sul piatto (correva il 1972…), ad anticiparne la canzone iniziale erano il chiacchiericcio e i rumori di bicchieri di un party. Una riediz

Una fotomodella – Kari-Ann Muller – in copertina, prima in una serie di cui avrebbero fatto parte in seguito Amanda Lear e Jerry Hall. Estratto il disco dall’involucro e messo sul piatto (correva il 1972…), ad anticiparne la canzone iniziale erano il chiacchiericcio e i rumori di bicchieri di un party. Una riedizione deluxe remixata da Steven Wilson celebra l’anniversario dell’esordio della band inglese.

Un prodotto da alta società: questa almeno la sensazione che si voleva dare. In realtà era un aspetto fra i tanti del complesso collage architettato da Bryan Ferry: allievo di Richard Hamilton (estensore nel 1957 del manifesto della Pop Art dal quale trasse ispirazione Warhol), cantante mancato dei King Crimson (ma Fripp e Sinfield ne agevolarono i passi successivi) e aspirante prototipo del divo musicale di nuova generazione, come un Sinatra ridisegnato da Stanley Kubrick.

Era il momento del Bowie modello Ziggy Stardust e del “tirannosauro” Marc Bolan (ma anche di Slade e Sweet), perciò i neonati Roxy Music furono aggregati alla pittoresca congrega del glam rock. Più appropriatamente si sarebbe dovuto parlare di “art rock”, spiegarono Simon Frith e Howard Horne nel saggio Art Into Pop, evidenziando la dialettica fra matrice sonora e contesto culturale.

Roxy Music - For Your Pleasure

i Roxy Music nell'interno copertina del secondo album For Your Pleasure

Pure Brian Eno, “non musicista” che trattava il suono della band impiegando registratore Revox a bobina e sintetizzatore VCS 3, proveniva infatti dalla scuola d’arte.
Con quell’aria affettata e un po’ blasé, che gli valse ai tempi qualche punzecchiatura ironica: “Byron Ferrari” lo soprannominarono ad esempio quelli di New Musical Express, Ferry incarnava tale attitudine, insieme aristocratica e postmoderna.

Fra citazioni cinematografiche (“2HB” onora Humphrey Bogart e “Chance Meeting” allude a Breve incontro di David Lean) ed enumerazione di oggetti mercantili (fumando Virginia, bevendo Madeira, guidando Studebaker), si mescola l’alto al basso ostentando disinvoltura – appunto – warholiana.

Il Mucchio Selvaggio

E sul piano stilistico, grande è la confusione sotto il cielo (con relativa situazione eccellente): un rock’n’roll che deraglia nel rhythm’n’blues (“Re-Make/Re-model”) e sfiora il doo-wop (“Would You Believe?”), il country in forma di parodia (“If There’s Something”), un madrigale con oboe atteso da un crescendo melò (“Sea Breezes”), del jazz diluito (“2HB”) e finanche dell’avant-garde, in “The Bob (Medley)”.

Perché? “L’album è davvero una specie d’indicatore di dove potevamo andare: traccia in modo deliberato molte direzioni differenti. Non avevamo alcuna intenzione di avere un suono riconoscibile: ci piace essere elusivi e variare il più possibile”, Ferry dixit.

L’occasione per riparlare del long playing con cui debuttarono allora i Roxy Music è la riedizione “deluxe” allestita per celebrarne il 45esimo anniversario (mancato in verità di otto mesi): originale rimasterizzato (con l’epica “Virginia Plain” in sequenza, diversamente dalla primissima stampa britannica) e remixato in Surround sound dal “porcospino” Steven Wilson, con supplemento audiovisivo su DVD.

Roxy Music - 45° Anniversary Edition

Spicca un’esibizione d’epoca al Bataclan per la televisione francese accanto a un’ampia dotazione di bonus (più dei provini e delle versioni alternative, valgono le session radiofoniche targate BBC, due delle quali per John Peel, la prima addirittura con David O’List anziché Phil Manzanera alla chitarra) e volume allegato di 136 pagine.

Alberto Campo

La recensione è pubblicata sul Mucchio n.763 del febbraio 2018.

Promuovi la cultura e goditi contenuti esclusivi

Musicoff Patreon

Instagram

Error validating access token: The session has been invalidated because the user changed their password or Facebook has changed the session for security reasons.

MUSICOFF NETWORK

Musicoff Discord Community Musicoff Channel on YouTube Musicoff Channel on Twitch Musicoff Channel on Facebook Musicoff Channel on Instagram Musicoff Channel on Twitter