HomeMusica e CulturaArtisti - SpecialI Platters sfidano la loro etichetta

I Platters sfidano la loro etichetta

Chicago, Illinois: il gruppo vocale dei Platters, per 4 volte al numero uno delle classifiche americane tra il 1955 e il 1958 con brani epocali quali "The Great Pretender" o "Smoke Gets In Your Eyes", sporge denuncia nei confronti della propria casa discografica, la Mercury Records.

Sembra infatti che i dirigenti dell’etichetta abbiano rifiutato loro alcuni nuovi brani soltanto perché alla voce solista non c’è Tony Williams, l’inconfondibile ugola dal timbro altissimo in grado di rendere magnificamente i classici del gruppo scritti dal leggendario Buck Ram, factotum artistico dei Platters.

In realtà, il contratto stipulato tra Platters e Mercury Records non prevede questa clausola. La storia dei Platters, la cui popolarità comincia a declinare proprio nei primi anni 60, è in realtà piena di dispute legali, specie sull’utilizzo del nome.

Da sempre, infatti, la formazione del gruppo è soggetta a cambi, modifiche, rientri. E ogni volta, si dà vita a formazioni analoghe che ingenerano confusione nel pubblico.

L’ultima disputa risale al 2006, con la battaglia legale che ha permesso a una società di Las Vegas (la G.E.M.) di ottenere la possibilità di presentare al Sahara, uno dei grandi Hotel/Casino della “capitale del gioco d’azzardo”, uno show con le canzoni “del grande gruppo vocale degli anni 50, The Platters”.

Promuovi la cultura e goditi contenuti esclusivi

Musicoff Patreon

Instagram

Error validating access token: The session has been invalidated because the user changed their password or Facebook has changed the session for security reasons.

MUSICOFF NETWORK

Musicoff Discord Community Musicoff Channel on YouTube Musicoff Channel on Twitch Musicoff Channel on Facebook Musicoff Channel on Instagram Musicoff Channel on Twitter