Proviamo una chitarra a buon prezzo e costruita alla perfezione

Proviamo una chitarra a buon prezzo e costruita alla perfezione

Ve ne avevamo parlato agli inizi del torrido agosto e ora è finalmente sul nostro banco di prova: si tratta della bella Schecter C-6 Plus, nuova "ascia" della linea 2017 del marchio americano, che ci è stata gentilmente messa a disposizione dal distributore italiano Gold Music.

Chitarra "economica" non vuol dire "costruita in economia". Tutt'altro, qui Schecter ci vuole dimostrare come con un'attenta scelta di componenti e con un buon controllo qualità si riescano a produrre strumenti sotto i 400 euro che riescono a soddisfare sia chi è in procinto di acquistare un primo strumento "serio" e vuole una chitarra bella e ben suonante, sia chi magari ha bisogno di una chitarra di riserva sul palco. 

Senza contare, a nostro modo di vedere, che questa nuova linea è anche godibilissima per chiunque come strumento principale, poiché in quanto a suono e tenuta generale non ci ha mostrato nessun segno di cedimento o scelte "cheap".

Diamogli quindi un ascolto grazie alle mani di Francesco Savarese!

Vi riassumiamo al volo le caratteristiche di questo strumento, disponibile in 5 colorazioni con le belle figurazioni del legno quilted a vista: la costruzione è bolt-on (manico avvitato) con scala 25.5", e vede un corpo in tiglio e un manico in acero con tastiera in palissandro, profilo "thin C" e 24 tasti X-Jumbo.

I pickup sono due humbucker Schecter Diamond Plus, comandati dai potenziometri di volume e tono.

Il ponte è un TOM con corde passanti nel corpo dello strumento, che fa il pari con le meccaniche Schecter e il capotasto in grafite, una sicurezza in tema di accordatura.

Schecter C-6 Plus OBB

Per ogni altra info e anche per sapere in quali negozi italiani trovare la C-6 Plus, consultate ovviamente il sito di Gold Music.