Proviamo il Mooer Tone Capture, il "clonatore di chitarre"

Proviamo il Mooer Tone Capture, il "clonatore di chitarre"

Davvero attesa la prova di oggi, il MOOER Tone Capture, infatti, è un minuto pedale che promette di "catturare" il suono di tante chitarre, ce la farà davvero?

È quello che scopriamo, e che voi stessi giudicherete (magari anche dopo una prova personale), ma la curiosità di averlo tra le nostre mani era davvero tanta.
In pratica, questo piccolo pedale MOOER è un vero e proprio "clonatore" dei suoni di chitarra che funziona attraverso l'oramai più che diffuso caricamento di Impulse Response.
In questo caso siamo di fronte a una tecnologia di campionamento non lineare proprietaria del marchio, tramite la quale si cerca di copiare quanti più dettagli rendono unico il suono di uno specifico strumento elettrico (in generale una chitarra dotata di pickup, quindi volendo anche un'acustica elettrificata).

Avviene una sorta di comparazione tra due strumenti, cioé quello campionato e quello reale che ne assumerà virtualmente l'identità, e una volta creato il preset possiamo memorizzarlo in uno degli slot di memoria a disposizione.
Il pedale permette di scegliere se utilizzare un True Bypass o un Buffer e il firmware può essere aggiornato via USB.
In più, oltre alla sua funzione principale, questo pedale può anche essere utilizzato come semplice equalizzatore, visti i controlli preposti ad esso sul frontale (bassi/medi/mid shift/alti).

Ma sarà il bravo Giacomo Pasquali a spiegarvelo in questo video, visto che lui stesso ha convissuto per un po' col pedale e ora ci farà vedere come farlo funzionare a dovere.
Buona visione e per ogni altra informazione consultate il distributore italiano ufficiale, Backline Srl.


Commenta