IK Multimedia lancia nuovi effetti Leslie, ascoltiamoli!

IK Multimedia lancia nuovi effetti Leslie, ascoltiamoli!

Il Leslie è una tipologia di effetto assai particolare e in alcuni casi anche assai discusso, facente parte di una paletta sonora decisamente vintage e molto appartenente alla golden age della musica rock; risulta quasi sempre molto difficile da replicare, ottenere un buon effetto leslie che sia convincente è una sfida ardua.

Al Namm 2018 IK Multimedia ha mostrato al mondo le potenzialità della sua Leslie Collection disponibile per Amplitube e Track-S, oggi ti parlerò precisamente della versione per Track-S.

Considerazioni sull'interfaccia

Come per i restanti moduli che sono stati precedentemente trattati nella recensione della suite di Track-S 5, l'intera parte grafica è stata ben rifinita e si presenta molto bella da vedere, senza pesare molto sulla GPU del computer; carina inoltre l'animazione della rotazione del Leslie stesso.

Interfaccia utente ben riuscita, pulita e ben fatta, non ho nulla da ridire.

Considerazioni Tecniche

Andando con ordine, il sito porta tutte le modellazioni dei vari Leslie che fanno parte di questa raccolta, tutti questi modelli sono stati ricostruiti digitalmente su degli hardware degli anni '60 e '70.
Direttamente dal sito di IK Multimedia possiamo trovare la lista:

Leslie 122
Il classico dei classici. Adatto per il pop, il rock, il jazz e il blues, quando pensi al "suono di Leslie", probabilmente stai pensando a un 122.
Un'unità vintage dei primi anni '70 è stato quello utilizzato per la modellazione, e questo ha un suono leggermente più caldo rispetto al 122A.

Leslie 122A
La Leslie 122A è la versione moderna del più famoso modello Leslie, con un ingresso bilanciato per l'amplificatore e un cabinet medio-alto che fornisce una risposta dei bassi eccellente.
Questo ha un tono leggermente più aperto e diretto rispetto al classico 122.

Leslie 147
Il Leslie 147 è un altro modello classico di Leslie, un amplificatore di potenza leggermente diverso, un ingresso sbilanciato all'amplificatore e un cabinet leggermente più corto. Il suono generale è molto simile al classico 122 ma con alcune differenze musicalmente rilevanti. Quella che è stato modellato è un'unità vintage della metà degli anni '60, senza riflettori sulle trombe, che dà un altro sapore al suono e una differenza sonora ancora più tangibile rispetto al classico 122.

Leslie 3300w
La Leslie 3300w è uno dei modelli più potenti di sempre, con un amplificatore a stato solido da 300 Watt RMS con un vero preamplificatore valvolare.
La sua firma sonora è particolarmente adatta a pop, rock, jazz e blues.

Leslie G37
Chitarristi di ogni genere lodano il G37 per il suo inconfondibile carattere.
L'amplificatore per chitarra a stato solido integrato con la sua sezione preamplificatrice valvolare può passare da pulito incontaminato al dirty, per una varietà di sfumature tonali che solo i diffusori Leslie possono fornire attraverso un cabinet a doppio rotore compatto con V30 da 12.

Studio 12
Lo Studio 12, progettato come amplificatore più portatile per i tastieristi, utilizza anche un amplificatore a stato solido con preamplificazione a valvole in un design a doppio rotore, ma ha un altoparlante Eminence da 12" su misura per la più ampia gamma di organi a bassa frequenza.

È una collection abbastanza nutrita, essendo il Leslie un effetto "particolare" e di solito relegato a una tipologia di sound per alcuni "vecchio", almeno per quanto riguarda la parte chitarristica, il resto sono una ricchissima libreria sonora per quanto riguarda gli organi.
Andando a vedere il comparto di opzioni possibili, possiamo trovare i controlli di accelerazione e decelerazione, la gestione della velocità per la modalità slow e la modalità fast, la gestione della distanza dei microfoni.

Il tutto è gestibile fin nei minimi dettagli, dalla gestione dei volumi degli horns e del drums, poterne gestire i canali stereo, l'output finale del cabinet, gestire l'intera sezione della preamplificazione, i vari tagli di frequenza della sezione preamplificatrice e in equalizzatore generale molto completo; dulcis in fundo i diversi amplificatori e i cabinet possono essere miscelati per ottenere le più disparate combinazioni.

Difficilmente potrei chiedere di più da una simulazione di un Leslie, puoi scolpire ogni cosa senza difficoltà, promosso su questo punto di vista.

Considerazioni Sonore


Nel complesso posso definire queste simulazioni decisamente convincenti, non voglio fare paragoni con l'analogico perchè risulterebbe decisamente inutile, ma ha la giusta dose di calore e di profondità, non mi da quell'impressione di finto o di troppo freddo, mi ha convinto nella sua totalità.
Tra tutti i modelli ho decisamente preferito la simulazione del 3300W, almeno per il mio campo specialistico che è quello della chitarra, molto espressivo e decisamente tondo, da una certa corposità e un certo calore, nonostante stiamo parlando di uno strumento virtuale.

Altro modello che mi è piaciuto è il 122 che permette di ottenere sonorità tipiche del sound Floydiano, praticamente di poco dissimile dai suoni che si utilizzano in The Dark Side of the Moon, si avvicina tantissimo.
Certo non tutte le simulazioni nascono prettamente per la chitarra , ma anche il solo g37 o il 122 vi possono dare quelle timbriche da era d'oro del rock senza difficoltà, sinceramente non trovo la cosa così grave dal punto di vista della resa totale dell'offerta dell' azienda, semplicemente alcuni funzionano meglio di altri per un determinato strumento.

Tra i contro, il controllo di distanza dei microfoni non l'ho visto così efficace rispetto al resto dei controlli, almeno sulle simulazioni del 147 e del 122, ma direi che sia un difetto tollerabile rispetto alla resa totale.
Per rendere meglio l'idea ascoltate le tracce sopra, ho utilizzato la stessa traccia provando tutte le simulazioni della collezione, si parte con la stessa catena utilizzata nell'articolo della pedaliera Mooer Red Truck.

Se si gioca bene con le opzioni stereo si ottiene un effetto decisamente molto avvolgente nonostante sia un effetto digitale, ogni tanto però va anche gestito il volume sia della parte dell'amplificazione che dell'output della cassa, altrimenti sembrerà che il vostro segnale crolli da un momento all'altro senza alcuna ragione.

Non avendo un organo o una tastiera MIDI per provarlo, mi sono fatto prestare una traccia di organi da alcuni amici del progetto Cicala, vediamo anche lì il risultato: forse subisce un po' rispetto a alcuni effetti on board di altri marchi, ma andrebbe fatto un paragone mirato e capirne pro e contro di ogni parte, ma non essendo un articolo che vuole vedere le differenze tra gli effetti, non penso sia un discorso da approfondire.
Va però detto che non fa rimpiangere sound di macchine di fascia alta, ci si può lavorare con molte soddisfazioni senza nemmeno sbatterci troppo la testa.

Promosso sul lato sonoro?
Si, il sound risulta convincente e facile da gestire, IK permette di ottenere grandi sonorità con una facilità estrema.

Considerazioni Economiche

Il costo non è molto alto se teniamo conto che sono possibili due tipologie di collection per questi leslie, ovvero la collection che vale sia per Amplitube che per Track-S, oppure solamente per una delle due suite, differenziando così il prezzo su entrambe le opzioni.

  • 99 euro per quella singola
  • 149 per entrambe

A conti fatti parliamo di poco più di venti euro per simulazione, che riescono a darti un suono convincente e a tratti molto veritiero, personalmente comprerei sicuramente il 3300w e il 122 senza avere altri dubbi, sono fatti bene e non costano eccessivamente, per chi almeno vuole questo tipo di sound in studio.

Considerazioni Finali

Pro

  • Interfaccia semplice
  • Buona resa sonora su organo
  • Molte opzioni di configurazione

Contro

  • Solo alcuni modelli rendono bene su chitarra
  • Il controllo "mic distance" non è particolarmente efficace sulle simulazioni del 122 e del 147

Maggiori info sulla pagina ufficiale della Leslie Collection.
I prodotti IK Multimedia sono distribuiti da Mogar Music.


Commenta