Nato per scrivere un capolavoro, Billy Corgan

Nato per scrivere un capolavoro, Billy Corgan

Nasceva oggi nel 1967 un artista destinato a cambiare il volto della musica degli anni '90 con un capolavoro del genere alternative rock, Billy Corgan e il masterpiece Mellon Collie and the Infinite Sadness dei suoi Smashing Pumpkins.

Figlio di un musicista blues, l'infanzia del piccolo Billy fu piuttosto difficile, passata dal divorzio dei genitori all'affido prima ai nonni, dopodiché di nuovo col padre e successivamente con la compagna di quest'ultimo, post ennesima separazione.
A 14 anni scopre la musica e la chitarra, provando una Flying V e restando folgorato dal potente suono elettrico dello strumento.

Nato per scrivere un capolavoro, Billy Corgan

Da lì in poi è storia nota, con la fondazione degli Smashing Pumpkins, la pubblicazione di alcuni album interessanti (per la maggior parte delle persone riscoperti successivamente) fino al loro assoluto masterpiece, un doppio album che ha segnato profondamente la generazione dei primi anni '90. In esso si mischiano melanconia, rabbia, apatia, disorientamento, romanticismo, tutte sensazioni ben sviluppate nella musica di quegli anni ma che questo disco ha saputo condensare in un'unica grande opera.

Il disco fu voluto proprio da Corgan ed è stato sempre oggetto di un rapporto di amore/odio per ascoltatori e critici, apprezzato per la sua genialità in molte composizioni, criticato per la sua lunghezza e per qualche momento inserito forse un po' forzatamente.
Ma ciò non toglie che dimostri quanto la vena creativa di Corgan e soci fosse in stato di grazia in quel momento, vena che forse andò gradualmente a perdersi gli anni successivi (ma non scordiamo in mezzo la tragedia della morte per overdose del tastierista Jonathan Melvoin).

Non sappiamo se lui apprezzerebbe questo ritorno al nostalgico passato, ma noi facciamo lo stesso gli auguri a Corgan riproponendo un grande classico di quel disco, "Tonight Tonight", che unisce alla bellissima musica un videoclip girato secondo i canoni del genio del cinema Georges Méliès.