La poesia di Leonard Cohen

La poesia di Leonard Cohen

Montreal, Canada Nasce Leonard Norman Cohen, primo figlio maschio di Nathan e Masha. Entrambi ebrei emigrati dall'est Europa, i coniugi Cohen hanno un negozio di abbigliamento a Westmount, sull'isola di Montreal.

A soli 9 anni, il piccolo Leonard rimane orfano del padre: lui, la sorella maggiore Esther e la madre Masha devono tirarsi su le maniche anche se il lascito paterno consente a Leonard di proseguire a proprio piacimento gli studi.

A 15 anni, Cohen legge le poesie di Garcia Llorca e imbraccia, per la prima volta, una chitarra. Questi due eventi gli cambiano la vita.
Dopo aver conseguito un diploma presso la McGill University, si dedica interamente alla sua passione principale: la scrittura di poesie e racconti.

Per trovare ispirazione, parte per l'Europa e si stabilisce a Hydra, un'isola greca. Lì, scrive in modo prolifico e lì prendono vita anche le sue prime canzoni.

La poesia di Leonard Cohen

Nel 1967 ritorna in America. Si trasferisce a New York dove frequenta, seppur in modo marginale, la Factory di Andy Warhol restando influenzato dalla bellezza e dall'arte di Nico. Nello stesso anno, John Hammond (leggendario producer della Columbia) ascolta le sue canzoni e decide di metterlo sotto contratto.
Nasce così Songs Of Leonard Cohen, album di debutto del poetico songwriter canadese: un album scuro, melanconico ma pieno di suggestione e poesia, che (come i lavori successivi) non raggiunge le vette delle classifiche, ma è in grado di influenzare profondamente intere legioni di cantautori, Fabrizio De Andrè su tutti.

Nel 2008, Cohen (che è il cantante preferito di Carlo d'Inghilterra) ha ricevuto la massima onorificenza del Quebec (quella di Grand Officer) ed è diventato membro della Rock 'n' Roll Hall Of Fame.

Ci ha lasciato lo scorso 7 novembre 2016, a seguito di una brutta caduta nella sua casa di Los Angeles. Ma il suo mito rimarrà per sempre.

Cover Photo by Rama - CC BY-SA 2.0