I sintetizzatori: analogici, digitali e nuovi ibridi

I sintetizzatori: analogici, digitali e nuovi ibridi

Per il nostro consueto giovedì da All For Music, grande negozio di strumenti musicali bolognese, oggi esploriamo tutte le novità nel campo dei sintetizzatori, passando dal digitale all'analogico con tutte le vie di mezzo a disposizione.

Negli ultimi anni il mondo dei synth si è trasformato in uno dei più rigogliosi di tutto il settore musicale. Vuoi per il ritorno di certe sonorità in ogni campo (compresa la tv e il cinema), con suoni sia anni '80 che dei decenni precedenti, vuoi per determinati cambiamenti del modo di fare musica anche ad alti livelli di music business, molte aziende sono tornate ad innovare in questo settore.
Basti pensare ad Arturia ad esempio, che in pochi anni è diventato un marchio cult che è riuscito a proporre una via di mezzo tra l'universo digitale attuale, ancora fortissimo, e quello analogico di un tempo, che ha scritto la storia della musica.

Passando poi per il mito Dave Smith Instruments e i suoi Prophet, o attraverso Moog, che è un nome che porta alla mente un'enorme quantità di dischi che sono delle vere pietre miliari e ancora oggi continua a produrre e a vendere taluni modelli storici di sintetizzatori affiancati da soluzioni più moderne.
Senza scordarsi quel settore dei synth e digital piano dai colori accesi di Nord, a cui oggi si affianca in diretta concorrenza anche l'italiana Dexibell.

Arrivando quindi alle ultime tecnologie, dettate da colossi come Roland, che a sua volta a scritto intere pagine dei suoni "artificiali" soprattutto negli anni '80.

Oggi ammiriamo un bel po' di queste meraviglie a tasti bianchi e neri (e manopole!), guidati dai due esperti di All For Music, Gianluca Di Stefano e Riccardo Cappellari, che ovviamente vi aspettano in negozio per darvi informazioni su qualsiasi strumento e, ovviamente, farveli provare con le vostre mani.


Commenta