Hendrix ha scoperto le posizioni 2 e 4 del selettore Strato?

Hendrix ha scoperto le posizioni 2 e 4 del selettore Strato?

Chi è stato il primo chitarrista a scoprire ed usare le posizioni intermedie del selettore della Fender Stratocaster? Secondo Billy Gibbons dei mitici ZZTop il merito va riconosciuto all'immenso Jimi Hendrix, che anzi, secondo lui, è sempre poco ricordato nel mondo chitarristico per questa grande scoperta sonora.

La realtà è che forse non sapremo mai chi davvero per primo, probabilmente per errore, spostando il selettore a tre vie originale, rimase "bloccato" in mezzo alle posizioni prestabilite per i tre pickups single coil progettati da Leo Fender e soci, generando quel suono pieno di "campanelle" che avrebbe contribuito a scrivere la storia dello strumento.
Bisogna ricordare che il selettore a 5 posizioni arriverà molto successivamente, ad anni '70 inoltrati, a seguito alle continue richieste dei chitarristi che oramai da molto utilizzavano quei due suoni aggiuntivi nati dalla unione dei pickup ponte/centrale e centrale/manico, con timbriche stupende in particolare sui suoni clean.

Il reverendo Gibbons racconta che "fu Hendrix a mostrarmi come rimuovere la molla dallo switch in modo che il selettore restasse più o meno fermo in quelle posizioni". Gibbons in questo caso è più che sicuro di ciò che dice poiché lui stesso se lo sentì dire da Hendrix in persona quando, ancora giovanissimo, aprì un suo concerto in Texas con la sua prima band di stampo blues-psichedelico, i Moving Sidewalks. In quell'occasione, Jimi gli regalò una stratocaster rosa preparata proprio in quel modo.

Elencare in quanti modi Jimi Hendrix ha contribuito allo sviluppo della chitarra elettrica è quasi impossibile e, come si vede, non solo in termini musicali.
Riascoltiamoci uno dei suoi brani più famosi.

Tags


Autore


Redazione

La redazione di MusicOff è composta da molte menti, molte persone, molti sforzi, che uniti riescono a creare questo magnifico mondo virtuale e il suo universo "editoriale", nella speranza di dare sempre il meglio, in totale trasparenza e onestà, in modo che Moff sia davvero per tutti un valore speciale!