19 febbraio 1996 - Björk e la rissa in Thailandia

19 febbraio 1996 - Björk e la rissa in Thailandia

Bangkok, Thailandia; la popstar islandese Björk non è quasi ancora atterrata che già deve affrontare il calore del pubblico orientale. Quando poi, dopo aver espletato le formalità doganali e ritirato i bagagli, sta per uscire dall'aeroporto della capitale thailandese, si trova la strada chiusa da un drappello di fotografi e cameraman.

Nonostante le ripetute raccomandazioni ai media ("vi prego di lasciarmi in pace all'arrivo, risponderò alle vostre domande nel corso della conferenza stampa" aveva chiesto con un comunicato ufficiale,) Björk è bloccata. Cerca di dribblare la folla.
Ma mentre spinge rapidamente il carrello (su cui ci sono le sue valigie) e sopra il quale è appollaiato il figlioletto Sindri di dieci anni, una cronista di una tv locale, una certa Julie Kaufman ha la malaugurata idea di rivolgersi proprio al piccolo e di dirgli: "Benvenuto a Bangkok".

Stanca per il lungo viaggio, probabilmente intontita dal fuso orario e sicuramente innervosita dall'accoglienza mediatica non prevista e (forse ancora) senza aver ben capito cosa la giornalista avesse detto a suo figlio, Björk perde la testa. Di colpo, molla il carrello dei bagagli, si scaglia con violenza contro la malcapitata e la sbatte a terra.

La sua proverbiale freddezza nordica è completamente svanita: pazza di rabbia e non paga di quanto già fatto, la cantante islandese riempie di pugni e calci la giornalista alla quale tenta anche di strappare i capelli sino a quando non viene bloccata da due persone del suo entourage e da un paio di agenti della polizia locale.
Portata in prigione, Björk chiede scusa per la scena incresciosa.
Julie Kaufman accetta le scuse della cantante e ritira la denuncia.
Nei giorni seguenti, la stessa giornalista rifiuta un contratto pubblicitario di una ditta di cosmetica che la voleva ingaggiare come testimonial di uno spray che rafforza i capelli...

Seguici su Jam TV


Cove photo by One Schism
Licenza Creative Commons