Pianoforti digitali Yamaha Serie CVP 700

Pianoforti digitali Yamaha Serie CVP 700
Salve MusicOffili, se amate i tasti bianchi e neri l'estate appena trascorsa non è stata avara di novità, perché alcuni produttori hanno variato la loro strategia di marketing, scegliendo vetrine come il Summer NAMM o allestendo eventi mirati in suggestive location per presentare i loro nuovi modelli: è il caso di Yamaha, che ha scelto Stoccolma, per lanciare lo scorso giugno la settima edizione dei pianoforti digitali CVP e tre nuovi modelli tra le tastiere della linea PSR-S. Mentre stavo redigendo la news dedicata all'evento del marchio giapponese, ho ricevuto una telefonata dell'amico Paolo Stefano, Product Specialist di Yamaha per i pianoforti digitali e le EKB, che mi invitava a provare questi nuovi modelli nell'auditorium di Yamaha Music Europe Branch Italy: come dire di no? Ovviamente, l'invito era esteso anche al mio set video, e grazie alla collaborazione di Paolo abbiamo realizzato per gli amici di MusicOff una serie di approfondimenti e demo video. Si parte con la settima edizione dei pianoforti digitali della storica serie CVP, e nel primo video Paolo offre una panoramica delle caratteristiche principali dei tre modelli in catalogo: CVP701, 705 e 709. La demo è stata realizzata impiegando la nuova modalità di intrattenimento denominata Session, che consente di gestire in modo semplice l'arranger a bordo. La modalità Session si rivolge al pianista che ama intrattenere controllando l'andamento dinamico dell'arrangiamento automatico "sotto le dita": la nuova funzione Dynamic Control consente di creare dei crescendo/diminuendo dell'intera esecuzione, attraverso la Velocity generata dalla tastiera.
Attivando il modo Session, il riconoscimento degli accordi si pone automaticamente nella modalità AI Pianist, e la band virtuale comprende tre sezioni rispettivamente per ritmica, basso e una parte di accompagnamento variabile secondo lo style selezionato. Rimarchevole sui modelli al top di gamma, come il CVP705 o il CVP709 impiegato in questi video, la possibilità di selezionare le quattro variazioni dell'accompagnamento e i comandi trasporto anche dal display touch screen, per semplificare al massimo la gestione. Il secondo video è dedicato alla modalità Piano Room, e Paolo nello specifico propone una serie di assaggi dei due preset principali di pianoforte acustico, desunti rispettivamente da un gran coda Yamaha CFX e un Bosendorfer Imperial Grand. Ricordo che nell'ampia palette timbri dei pianoforti digitali CVP, trovate anche una serie di categorie orchestrali con Voice basate su tecnologie Yamaha denominate Super Articulation (SA) e Super Articulation 2 (SA2), che consentono di riprodurre particolari strumenti come, per esempio, le chitarre e i fiati, simulando nel dettaglio delle tecniche in esecuzione quali il legato o lo staccato, semplicemente variando la dinamica al tocco della tastiera o impiegando i pedali. Nel terzo video, Paolo descrive nel dettaglio la modalità Session e gli style basati su pattern ritmici in formato audio, proponendo un assaggio di un esecuzione basata su questi particolari stilemi. Ricordo che la serie di pianoforti digitali Clavinova CVP eredita dall'ammiraglia delle Live Workstation Tyros 5 buona parte dell'arsenale di Style e Voice dedicate all'intrattenimento.Il quarto video è dedicato interamente a un'applicazione gratuita per i dispositivi iOS rilasciata recentemente da Yamaha: il software Chord Tracker analizza il contenuto del brano audio importato dall'utente tramite una pen drive, e oltre a fornirne sul display dello strumento gli accordi, elabora inoltre una song in formato MIDI trasferibile tramite Wi-Fi in un CVP serie 700 per una riproduzione immediata.
Anche se non siete un tastierista, se possedete un dispositivo iOS questa applicazione è da provare, perché l'algoritmo studiato per l'analisi e la conversione di un brano audio in MIDI proposta dal marchio nipponico è di buona qualità, e consente in pochi minuti di ottenere una tablatura del brano preferito senza perdersi su internet per una ricerca analoga.Nei quattro video proposti, noterete sopra la tastiera dei led rossi illuminati: si tratta del modo Follow Lights legato alla didattica, che consente di suonare una song in ROM, oppure un brano a piacere importato tramite una pen drive, poggiando le dita sui tasti indicati dai vari led multicolore sparsi lungo l'estensione della tastiera. I pianoforti digitali Clavinova CVP serie 700 dispongono infine nel parco connessioni sul pannello frontale di un ingresso microfono, per allestire una postazione dedicata anche al Karaoke; sui modelli CVP705 e CVP709 è disponibile inoltre a supporto della sezione un blocco DSP Vocal Harmony. Sui Clavinova CVP serie 700 potete inoltre collegare anche player audio esterni quali un lettore MP3 o uno smartphone, per riprodurre brani audio desunti dal mondo esterno. In conclusione, una considerazione personale: chi acquista un pianoforte digitale della serie CVP si aspetta prestazioni "al top" per un lungo periodo (dato l'investimento richiesto per l'acquisto), e con questa settima edizione sicuramente non rimarrà deluso. In questo momento, i modelli CVP serie 700 propongono il meglio di quanto studiato da Yamaha in termini di emulazione pianistica  (si pensi alle migliorie apportate sulle varie meccaniche) e l'interazione con la potente generazione sonora consente inoltre di allestire un intrattenimento flessibile, secondo le esigenze dell'utente: dalla semplice session con un trio virtuale tra le mura domestiche, fino alla grande orchestra per sonorizzare un video o realizzare un arrangiamento professionale in studio, i nuovi pianoforti CVP restituiscono sempre un mix in qualità “CD” pronto per l'uso. L'invito è di andarli a provare, magari caricando sul proprio dispositivo iOS le varie applicazioni gratuite studiate da Yamaha per questi strumenti, al fine di "spremerne a fondo" tutte le potenzialità. Per ulteriori informazioni sui pianoforti digitali della gamma CVP serie 700 e sulle applicazioni ad essi dedicate, vi suggerisco di visitare il sito internet di Yamaha Music Europe Branch Italy.Riccardo Gerbi

Tags


Autore


Riccardo Gerbi

Hanno detto di me: "Just love the background chord moves! The Italians have always been musical maestros and seem to have a personal relationship with music like no other race. I wish I could speak the lingo like this guy! ... Now that's Musical Authority !"