Una cover dal sapore acid jazz per Ilaria Fantin

Una cover dal sapore acid jazz per Ilaria Fantin

Dagli strumenti tradizionali della musica antica alle sonorità jazz ispirate da Herbie Hancock, non si può certo dire che Ilaria Fantin pecchi in versatilità.

La tutt'altro che scontata transizione dell'artista vicentina dall'arciliuto, lo strumento cardine del suo percorso didattico e concertistico, a basso e voce si è realizzata in questa cover di "Cantaloop" (brano inciso nel 1993 dalla band londinese Us3 che a sua volta si rifà alla "Cantaloupe Island" del celebre pianista), in una performance che rappresenta in un certo senso l'esordio del nome d'arte iLaria_F e nella quale è accompagnata dalla brass band Gli Stellari.

Ma non finisce qui perchè Ilaria ha in serbo anche musica inedita che verrà proposta con la stessa formazione a partire da gennaio, e in questa occasione ci sarà anche il suo strumento principale in una contaminazione di elementi che si preannuncia sicuramente intrigante: non ci resta che seguire la sua pagina Facebook per restare aggiornati sulle prossime novità, e nel frattempo ascoltare questa cover come assaggio.


Commenta