Un dottorato di ricerca sul Metal? In Australia si può!

Un dottorato di ricerca sul Metal? In Australia si può!

Fare della musica heavy metal un percorso di studi accademico in un contesto universitario a quanto pare è possibile, stando alla notizia che raccontiamo oggi.

La news è di questi giorni e ha fatto davvero un certo rumore, se non altro a causa del curioso accostamento tra due mondi così apparentemente contrapposti. Dobbiamo volare fino a Newcastle, sulla costa orientale dell'Australia (meno di 200 chilometri dalla nota Sydney), la cui università locale ha deciso di mettere a disposizione due borse di dottorato (oppure una per studenti esteri) in Discipline della Geografia e Studi Ambientali.

Non ci sarebbe nulla di sensazionale, se non fosse che una delle aree di ricerca disponibili è "The Geography of Heavy Metal", il cui intento dichiarato è quello di approfondire il legame tra il genere musicale e lo stato oceanico sia a livello locale che internazionale.

Un dottorato di ricerca sul Metal? In Australia si può!

L'iniziativa fa capo al professor Simon Springer, dichiaratamente appassionato del genere, il quale solo recentemente ha iniziato a dedicarsi agli aspetti di studio correlati allo sviluppo e alla diffusione della corrente musicale sul territorio australiano, e che vede in questo percorso accademico la possibilità di far progredire efficacemente questo campo di ricerca.

Per accedere alla selezione è necessario aver conseguito come minimo un BA Honours, titolo accademico di ricerca non universalmente equiparabile secondo il nostro sistema (è successivo al Bachelor's degree, equivalente alla nostra laurea triennale), e idealmente un Master's degree (corrispondente alla nostra laurea magistrale) in Geografia o in aree attinenti, come Sociologia o Scienze Politiche.

I vincitori dei posti a disposizione verranno sovvenzionati per una cifra di 27596 dollari australiani (circa 17000 euro) all'anno e dovranno iniziare il percorso accademico nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 31 agosto del 2020.
Le candidature vanno inviate in via preliminare allo stesso docente (per gli eventuali interessati: [email protected]) entro il 15 agosto prossimo.


Dan Presland, batterista degli australiani Ne Obliviscaris

I punti fondamentali del percorso di ricerca mirano ad approfondire i legami tra lo sviluppo del genere musicale, comprese le numerose sotto-correnti, nel territorio geograficamente particolareggiato dell'Australia (ben lontana dalle prevalentemente nordiche aree di diffusione del metal), prendendo in considerazione quegli aspetti storico-geografici e sociologico-culturali che possono averlo influenzato.

L'offerta, che ci scommettiamo oltre a destare grande curiosità susciterà anche un certo interesse pratico in più di qualcuno, può essere approfondita nel dettaglio su Anarchist Geography, sito web riconducibile allo stesso docente.


Commenta