Sei nuovi pedali Fender per il 2019

Sei nuovi pedali Fender per il 2019

Analogici, digitali o addirittura valvolari, cinque pedali per chitarra e uno per basso sono tra i piatti forti nell'offerta di Fender per il nuovo anno.

MTG Tube Distortion

Con un circuito originale progettato in collaborazione con Bruce Egnater, uno dei maggiori protagonisti nel mercato americano degli amplificatori, il nuovo distorsore è strutturato intorno a una vera valvola preamplificatrice 6205 NOS americana.
Una versatile sezione EQ, gain e level separati, accanto a un utilissimo boost regolabile.

Bubbler Chorus

Pedale analogico che offre la possibilità di passare da Slow a Fast con l'apposito pulsante, regolando separatamente i parametri di Rate e Depth.
Un mini-switch serve a scegliere fra onda sinusoidale e triangolare.

Lost Highway Phaser

Ha un circuito analogico anche il phaser e qui, come nel precedente, possiamo passare agevolmente da lento a veloce con regolazione indipendente dei parametri. È inoltre possibile impostare la sensibilità dell'effetto al tocco della mano, in modo da produrre un phasing più o meno marcato.

The Pinwheel

Per offrire una credibile riproduzione dell'effetto prodotto da una cassa rotante di tipo Leslie questo pedale si avvale di un DSP di livello avanzato. Setting Slow e Fast con controllo Brake per imitare la caratteristica frenata allo spegnersi del motore, sensibilità alla dinamica dello strumento e un bell'overdrive per aggiungere grinta al suono.

Tre-Verb

Un circuito digitale per riprodurre i celebrati riverbero e tremolo degli ampli Fender. In questo caso i due effetti sono dotati di controlli indipendenti in due sezioni separate. Riverberazioni rubate agli anni d'oro fra '63 e '65 o un suggestivo plate, accanto a una scelta fra varie opzioni di tremolo con tanto di tap tempo.

Downtown Express

Per il bassista un completo pedale multiFX/preamp progettato dal guru Alex Aguilar. Ben 4 pulsanti per gestire EQ a 3 bande, compressione e overdrive accanto a un utile Mute.
Compressore e overdrive possono essere invertiti a piacere nella catena di effetti e il DI Output consente la massima elasticità sul palco e in studio.

Maggiori informazioni su fender.com.


Commenta