Novation Circuit Mono Station: un matrimonio tra synth

Novation Circuit Mono Station: un matrimonio tra synth

Vi ricordate del Novation Circuit? Bene. Vi ricordate del Novation Bass Station II? Meglio. Perché adesso mamma Novation, sempre piena di idee innovative, li ha fatti "sposare", ed è venuto fuori un interessante strumento multiforme: il Circuit Mono Station.

Si tratta di un synth monofonico/parafonico di ultima generazione, basato sul motore sonoro del Bass Station II, che eredita però anche tre tracce di sequencer dal Circuit originale, oltre a 32 pad RGB sensibili alla dinamica. La struttura di sintesi si avvale di due oscillatori controllabili individualmente (anche nei parametri di Sync, Tuning e Glide), tre modalità di distorsione e un filtro multimodo (passa-basso, passa-alto o passa-banda), con pendenza selezionabile a 12 o 24 db/oct.

Novation Circuit Mono Station: un matrimonio tra synth

Essendo gli oscillatori indipendenti anche nell'intonazione, lo strumento può lavorare anche in modalità parafonica; delle tre tracce di sequencer, due controllano gli oscillatori, mentre il terzo è dedicato alle modulazioni. È così possibile modificare il tempo di gate, cambiare o bloccare il pattern istantaneamente, o cambiare le impostazioni di Sync.

Tramite una matrice di modulazione 4x8 è possibile realizzare assegnazioni complesse, anche grazie alla presenza delle connessioni CV e MIDI sul pannello posteriore. Inoltre lo strumento possiede 64 patch, sovrascrivibili in modo semplice tramite connessione USB a PC o Mac e il software Components.
Completa il pacchetto l'ormai immancabile corredo software, ovvero Ableton Live Lite e ben 4 gigabyte di campionamenti Loopmasters.

Maggiori informazioni sul sito del distributore ufficiale Midiware.