La promessa tech metal del batterista dei Replacire

La promessa tech metal del batterista dei Replacire

Joey Ferretti, batterista dei Replacire, pubblica il drum play-trough video di "Any Promise", dall'album Do Not Deviate.

La band di Boston Replacire si è fatta notare dalla critica e dal pubblico per come sa coniugare un approccio a dir poco aggressivo con capacità tecniche al di sopra della media, riuscendo a far convivere i tipici stilemi del death metal con beat sincopati, tempi dispari e influenze jazzy. 

Fondata nel 2010 dal chitarrista Eric Alper, la band ha pubblicato due anni dopo il suo album d'esordio, The Human Burden, per poi esibirsi sempre più spesso in tutto il nord est degli USA di spalla ad alcuni 'pesi massimi' del metal quali Beyond Creation, Hate Eternal, Misery Index e Artificial Brain.

Nel 2017 viene pubblicato per l'etichetta Season Of Myst l'album Do Not Deviate, acclamato dalla critica come una pietra miliare del cosiddetto technical metal: per fortuna dei loro sempre più numerosi fan, i Replacire nel loro secondo album non si sono limitati a utilizzare la loro indiscutibile abilità strumentale in inutili saggi di onanismo musicale, ma hanno messo le loro doti tecniche al servizio di brani ben congegnati e composti.

A distanza di un anno e mezzo dalla pubblicazione di Do Not Deviate la band ha pubblicato un drum play-trough video della canzone "Any Promise", che ben illustra lo stile del gruppo. Impegnato a punire pelli e metalli l'ottimo Joey Ferretti, che dal 2017 siede sullo sgabello della band.
Un posto scomodo, a giudicare dal fatto che Joey è già il terzo batterista chiamato alla sua corte da Eric Alper nel 2017 per sostituire Kendall Divoll, a sua volta subentrato l'anno precedente a Blaize Collard.


Commenta