Joe Bonamassa e la nuova Epiphone Flying V Signature

Joe Bonamassa e la nuova Epiphone Flying V Signature

Se Gibson negli ultimi tempi ha compiuto qualche scelta "borderline", la sorellina Epiphone ricorda bene la storia del marchio e cerca di riproporla in tutto il suo fascino.
Questo è ciò che succede guardando la nuova Limited Edition '58 "Amos" Flying-V, signature di Joe Bonamassa ma che ci riporta alla mente i tempi d'oro del blues di Albert King.

In effetti, il buon Bonamassa è possessore di un'originale Gibson Flying V Korina del 1958, acquistata proprio in occasione del suo Three Kings Tour che è un grande omaggio a tre "Re" del blues: B.B. King, Freddie King e, appunto, Albert KIng.
La storia della chitarra è singolare, poiché fu decisamente snobbata all'epoca a causa delle sue forme, tanto che oggi se ne conoscono meno di un centinaio in circolazione; il che significa un valore che può arrivare tranquillamente ai 300.000 dollari, praticamente pari a quelli di un'originale Les Paul Standard del 1959, la punta di diamante dei collezionisti Gibson.

Epiphone Limited Edition '58 "Amos" Flying-V Joe Bonamassa Signature Epiphone Limited Edition '58 "Amos" Flying-V Joe Bonamassa Signature

Il nome "Amos" di questo modello è lo stesso che Bonamassa ha dato alla sua originale '58 in onore di Amos Arthur, proprietario dell'Arthur's Music Store, un negozio di chitarre di Indianapolis fondato nel 1952.
Arthur Amos fu uno dei pionieri della diffusione di nuove chitarre, all'epoca, come Les Paul, Stratocaster, Telecaster ecc... in un periodo in cui erano poco conosciute e gli strumenti richiesti erano piuttosto le archtop per le big band. Ma lui aveva intravisto la potenza del rock'n'roll e del blues ai suoni inizi e fu una visione assai lungimirante!

Ecco quindi un video in cui lo stesso Bonamassa ci delizia con questa sua nuova Epiphone Flying V "Amos" Signature, il cui costo guardando alcuni siti esteri che la hanno in pre-order, è tutto sommato abbordabile.