Ernie Ball si dedica ai cavi, amore e odio dei musicisti

Ernie Ball si dedica ai cavi, amore e odio dei musicisti

Cavi, amore e odio del musicista elettrico. Tra chi è ancora convinto che non serva averne di qualità o che addirittura sia normale dire che "si rompono", a chi è più avveduto e ricerca il compromesso migliore. Per tutti scende in campo Ernie Ball.

Il marchio americano si è dato da fare per creare una nuova linea di cavi che fosse prima di tutto garanzia di resistenza e affidabilità e che, visto che anche l'occhio vuole la sua parte, avere anche un appeal piuttosto colorato, senza dimenticarsi gli amanti del vintage.

Prima di tutto, le prestazioni. Dichiarate dalla casa come eccellenti sotto ogni punto di vista, come dicevamo particolare attenzione è stata riservata alla durata nel tempo. Perché i cavi non devono rompersi, chi lo dice fa uso di oggetti di assai bassa qualità oppure è lui stesso incurante di come ci si prende cura di certi accessori, dando poi la colpa a chi li ha prodotti invece che alla violenza che lui stesso applica nel maneggiarli!

A partire dagli Original Classic, Ernie Ball ha cercato quindi di fare il possibile affinché si prevengano danni, con connettori di qualità, guaina restringente che protegge le saldature e una tripla schermatura che viene incontro alla necessità di minimizzare interferenze e rumori, obiettivo a cui concorre anche il rivestimento in PVC o Braided.

Braided? Di quale diavoleria stiamo parlando?
Ebbene, i cavi Braided sono ricoperti da uno strato esterno intrecciato che impedisce, udite udite, al cavo di aggrovigliarsi. Stanchi di litigare con i cavi che si attorcigliano come neanche le luci dell'albero di Natale sanno fare? Ecco la soluzione: cavi Braided.

Ai normali cavi di segnali per strumento, di varie lunghezze, si uniscono i cavi patch per gli effetti a pedale. Ovviamente il connettore può essere scelto tra angolato o piatto, a seconda della conformazione degli in/out dei pedali e della distanza tra gli stessi.

Per chi poi ama il look vintage e ha stampata in mente l'immagine di chitarristi sul palco come Jimi Hendrix, Ernie Ball ha deciso di rimettere in produzione i cavi a spirale (Coiled). Ben 20 tipologie di questi cavi sono disponibili e anche in questo caso l'agilità sul palco è garantita dal movimento "a molla" della spirale stessa.

Passando dalle corde della chitarra a quelle vocali, ecco che Ernie Ball ha pensato anche a chi utilizza un microfono per la voce. Il cavo microfonico Ernie Ball è perfettamente schermato, lo potete manipolare quanto volete ma produrrà sempre bassissimo rumore e la resistenza è garantita dalla solita guaina in PVC.

Ci sono poi i cavi di potenza, per i vostri diffusori, di due tipologie (90 e 180 cm). I conduttori da 16 gauge garantiscono affidabilità e un segnale robusto.

Per ulteriori informazioni consultate il sito di Eko Music Group.


Commenta