Da Note Legali ancora formazione su musica e diritto

Da Note Legali ancora formazione su musica e diritto

Si torna a parlare di Note Legali, l'associazione a tutela dei diritti del musicista, che sarà al centro di un ciclo di formazione in materia giovedì 11 aprile.

L'oggetto del corso definisce chiaramente quali saranno gli argomenti cardine degli interventi (che proseguiranno nella stessa sede anche il giorno successivo): "La musica e i suoi interpreti: quale tutela nell’era di Internet?" punta a portare precise consapevolezze su un tema sempre molto sensibile nell'ambiente.

In tal senso risulterà degna di nota la relazione a cura del presidente dell'associazione Andrea Marco Ricci, intitolata "La gestione collettiva dei diritti connessi degli artisti interpreti ed esecutori in campo musicale in Italia", che verrà affrontata a partire dalle ore 15:00.

Da Note Legali ancora formazione su musica e diritto Andrea Marco Ricci, presidente di Note Legali

Si segnalano poi gli altri interventi della giornata di giovedì: l'avvocato professor Giorgio Spedicato presenterà la relazione dal titolo "L'evoluzione della disciplina della responsabilità del provider: dalla direttiva 2000/31 alla proposta di direttiva sul diritto d'autore nel mercato unico digitale", a seguire l'avvocato Elena Rossi con "L'improvvisazione nel jazz, la musica aleatoria, gli arrangiamenti: quale tutela quando l'interprete diventa autore?", mentre in conclusione il professor Fabrizio Festa con "I campionamenti: nuovi profili d’autore".

Spazio infine anche per la musica suonata, con la performance del corso di Musica Applicata del Conservatorio di Bologna , diretto dal professor Aurelio Zarrelli, che eseguirà brani di Beatles, Led Zeppelin e Prince.

Ospitato nella Sala Bossi del Conservatorio G.B. Martini di Bologna (piazza Rossini, 2), il corso è rivolto prevalentemente ai professionisti dell'ambito giuridico ed è a partecipazione gratuita.
Per ulteriori informazioni sull'evento si suggerisce di visitare il sito web della Fondazione Forense Bolognese.


Commenta