Chi sveglierà le preziose chitarre di Jens Ritter?

Chi sveglierà le preziose chitarre di Jens Ritter?

Un sonno lungo 100 anni è previsto per le appariscenti chitarre Sleeping Beauties, vere e proprie opere d'arte costruite da Ritter con materiali preziosi.

Se non un bel principe, sicuramente sarà un ricco collezionista a farle suonare per la prima volta, se sarà rispettata la tabella prevista dal costruttore, l'ambizioso Ritter, già noto per aver creato strumenti in grado di soddisfare le esigenze di Prince, George Benson o Lady Gaga.

Ritter Guitars The Blue Rose: rivestimento in tessuto con oro bianco e zaffiri

Ogni Bella Addormentata viene realizzata con i materiali più ricercati e "disattivata" subito dopo la prima accordatura, ibernata come gli astronauti in un film di fantascienza.
La data di risveglio è calcolata in 36500 giorni esatti da quel momento.
Resta da chiedersi se i fortunati proprietari (e i loro figli o nipoti) avranno la pazienza di aspettare, considerato anche il prezzo.

Ritter Guitars Happy People conduct the Moments!: rivestimento in foglia d'oro 24k.

In effetti, c'è più da chiedersi chi le comprerà, trattandosi di  tirature limitatissime, 8 pezzi al massimo, con prezzi oscillanti fra i 20.000 e i 280.000 dollari.
D'altronde le creazioni di Jens Ritter sono presenti in musei di grande importanza come lo Smithsonian Museum a Washington D.C., il Boston Museum of Fine Arts, il MET - Metropolitan Museum of Art a New York City.

La serie Daydream Melodies, ad esempio, comprende una serie di sculture che si rifanno alle forme della chitarra. Non possono emettere suoni, ma nascono per innescare ricordi, ritrovare melodie nascoste nella propria dimensione interiore da riportare allo stato cosciente.

Ritter guitars Daydream Melodies, Essence 1.

Secondo il loro creatore, le Sleeping Beauties portano con sé la potente energia culturale dell'età d'oro della chitarra elettrica, che sta a noi comunicare alle generazioni future! I proprietari che le risveglieranno dopo 100 anni riceveranno un messaggio importante!

Maggiori approfondimenti sul sito ufficiale di Jens Ritter.


Commenta