Che succede se un chitarrista Jazz e uno Funk ti insegnano il Blues?

Che succede se un chitarrista Jazz e uno Funk ti insegnano il Blues?

La domanda che vi poniamo non è affatto provocatoria, perché conosciamo bene entrambi gli autori del nuovo manuale La Chitarra Blues per Tutti, edito da Carish: si tratta di due dei nostri amici più cari, Paolo Anessi e Vince Capentieri.

Per come li conosciamo su Musicoff, Anessi con i suoi articoli sulle chitarre archtop, di solito votate al Jazz, e Carpentieri con la sua collana di video lezioni di chitarra Funk, non ci verrebbe da pensare al Blues. Ma commetteremmo un grosso errore, prima di tutto perché entrambi hanno una forte conoscenza di questo genere musicale, secondo perché... beh, tutto nasce dal Blues!

Vi riportiamo quindi le loro stesse note di copertina, non prima di una divertente intervista doppia in video ai due autori.
Per tutte le informazioni sul volume in uscita collegatevi sia PaoloAnessi.it che a VinceCarpentieri.com su cui troverete estratti diversi dell'opera.

La Chitarra Blues Per Tutti è un manuale ideato per avvicinare chitarristi di ogni estrazione o livello al genere Blues. Concepito in maniera estremamente “modulare” il manuale può essere approcciato secondo le proprie esigenze, acquisendo rapidamente dimestichezza con i fraseggi e le tecniche di base o approfondendo il proprio linguaggio in maniera più tecnica e articolata.

Di fatto il blues è il genere che ha influenzato o condizionato la nascita di altri generi: il jazz e tutto il linguaggio afroamericano, il rock e almeno la prima evoluzione dell’hard rock, il funk e non da meno il pop. Tutti questi generi sono in un modo o nell’altro legati a un’origine blues.

Partendo dal concetto “per tutti” che caratterizza i volumi della collana troverete in questo manuale diversi percorsi da seguire. A partire dalle prime esercitazioni tecniche di coordinazione sulla chitarra, le tecniche di base della chitarra blues trasmesse poi a tutti i generi (bending, vibrato, hammer-on e pull-off, acciaccature, slide, ecc.); poi una guida agli stili musicali, grazie a composizioni originali sia armoniche d’accompagnamento che melodiche solistiche, per entrare infine nei vari sound (Chicago, Delta, Memphis, Texas, ecc).

Parallelamente allo studio degli stili, il manuale contiene un percorso per sviluppare l’improvvisazione, elemento fondamentale nel linguaggio del blues.

Si parlerà di grammatica del fraseggio, dagli approcci melodici alle varie possibili risoluzioni e la costruzione di un assolo, che tenga presente la tradizione del linguaggio, senza però tralasciare lo sviluppo della propria personalità.

I chitarristi già avvezzi allo strumento, grazie a una serie di lezioni alla fine del manuale, potranno andare molto oltre la tradizione del blues, trattando l’improvvisazione e lo sviluppo del fraseggio in ambito moderno, grazie all’uso di soluzioni musicali che vanno ben oltre la pentatonica (il diminuito, l’esatonale, il lidio di dominante, il dorico, il misolidio, ecc.).

Un manuale completo ed esaustivo in ogni aspetto, pensato “Per Tutti” e quindi comprensibile dal neofita, che sarà sempre accompagnato nel percorso, tanto quanto appetibile al professionista che vuole approfondire il linguaggio blues.


Commenta