Schertler Arthur cresce per la gioia dei fonici

Schertler Arthur cresce per la gioia dei fonici

Arthur si presenta a Francoforte con diversi nuovi moduli per offrire ai professionisti dell'audio e ai musicisti un mixer configurabile in modo molto versatile, ingrandibile o ridimensionabile svitando solo 4 viti a brugola per rispondere alle esigenze specifiche di ogni sessione sia per la registrazione che per l'amplificazione dal vivo.

La dotazione di accessori, moduli di ingresso e di uscita si arricchisce con Multiple, un'unità multipla con 4 ingressi linea mono, il nuovo sommatore in classe A Sub Group. Ma l'unità più interessante è sicuramente il modulo Spring (reverb) unit progettata per essere utilizzato sia come modulo Arthur che come riverbero a se stante!

Schertler Arthur cresce per la gioia dei fonici

Partiamo proprio da quest'ultima unità che occupa lo spazio di due moduli incorporando un interessante riverbero a molla di altissima qualità il cui carattere può essere scelto fra "hall" e "room" e il suono fra "glass" e "wood". Nello stesso modulo sono presenti anche due sezioni per Echo e Delay digitali.
La presenza di connettori di IN OUT e Dry Out offre la massima flessibilità all'utilizzatore così come la presenza del segnale per le mandate 2 e 3, al PFL e al Master, ovviamente quest'ultima con pan.

Schertler Arthur cresce per la gioia dei fonici

Ognuno dei 4 ingressi del modulo Multiple In ha jack bilanciati da 6,35mm con pan, attivazione, guadagno unitario e fader. Un modulo essenziale e di uso immediato per collegare tastiere, un submixer, un lettore di qualsiasi tipo.

Il modulo Subgroup è il meno intuitivo della serie, ma quello che offre maggiore flessibilità al mixer, consentendo di interrompere il flusso dei segnali alla sua sinistra o destra per creare un sottogruppo stereo (utile sia dal vivo che in registrazione) il cui segnale può essere inviato al master premendo un tasto centrale facilmente localizzabile.

Schertler Arthur cresce per la gioia dei fonici

Un grande fermento, insomma, offerto dallo stand dove Stephan Schertler in persona rispondeva a tutti in molte lingue e con grande dovizia di particolari tecnici e anche qualche segreto industriale (ops!). Davvero interessante era il poster dove spiccava il nuovo testimonial del marchio, il fonico Rob Griffin.

Per qualsiasi informazione, consultate il sito ufficiale di Schertler.

Schertler Arthur cresce per la gioia dei fonici