QSC presenta il subwoofer cardioide e la gamma E215

La QSC si appresta a festeggiare il milione di casse della serie K vendute dalla loro introduzione nel mercato avvenuta nel 2009 e al NAMM 2017 ha annunciato l'ultimo nato della famiglia: il subwoofer cardioide, la prima soluzione al mondo di questo tipo di sub amplificato e facilmente trasportabile per applicazioni nei settori di musica e installazione.

Solitamente questi diffusori irradiano il suono in tutte le direzioni, con conseguenti somme e turbolenze indesiderate a bassa frequenza, oltre alla dissipazione di energia sonora sul retro del cabinet. La tecnica del posizionamento intelligente, con studio sulle linee di ritardo e polarità delle casse per orientare l'energia delle frequenze inferiori in avanti e ridurre al minimo l'energia laterale e sul retro, è purtroppo molto costosa e richiede molti diffusori, oltre a diversi amplificatori e processori.

Il subwoofer cardioide K riesce invece a "tenere il basso al suo posto" in un'unica cassa compatta, in impianti mobili, produzione AV e service, così come in luoghi di spettacolo di dimensioni contenute o in qualsiasi altra applicazione dove l'energia indesiderata a bassa frequenza deve essere ridotta al minimo.

Alimentato da un amplificatore di 1000W classe D, con la più recente tecnologia DSP e dotato di due driver 12" a lunga escursione (ognuno posto in una camera passa-banda di 6° ordine), viene prodotta un'incredibile emissione anteriore superiore di 15dB rispetto a quella posteriore.

Facilmente trasportabile, la cassa dispone di maniglie in alluminio e quattro ruote posteriori. Due prese M20 sono disponibili per accettare un palo standard da 35 millimetri per posizionamento sia in verticale che orizzontale.
Il subwoofer cardioide K avrà un prezzo di mercato intorno a 1399US$ e si prevede che sarà disponibile nella prima metà del 2017.

La cassa a gamma intera E215 è dotata di due woofer da 15" con bobina da 3,5" ed utilizza la topologia frequency-shading, riducendo al minimo il lobo verticale alla frequenza di incrocio con le alte. Un driver di grande formato da 1,4" con bobina da 2,8" offre una riproduzione trasparente delle frequenze superiori. Grazie all'accettazione di 1200W continui (4800W di picco), all'adozione della tecnologia QSC Directivity Matched Transition™ (DMT) per una risposta in frequenza uniforme su 75° gradi, e alla grande estensione della risposta in frequenza in basso fino a 40 Hz, l'E215 è ideale per le applicazioni dove è necessaria una forte pressione sonora e ottima estensione in basso da una singola cassa.

Entrambi i cabinet sono costruiti in robusto multistrato con vernice anti-graffio e maniglie in metallo sagomate ergonomicamente. Per l'E215 sarà disponibile un kit opzionale con golfari, mentre per l'E218SW sarà disponibile un carrello per agevolare il trasporto.

Tutte le casse della serie E offrono elevato design e solida costruzione, affidabilità e prestazioni complessive oltre le aspettative. I tuning in fabbrica delle casse trovano ottimi partner per l'ottimizzazione delle prestazioni nelle serie di amplificatori QSC PLD, dotati di DSP, o GXD e nei mixer digitali della serie TouchMix, offrendo il miglior rapporto qualità/prezzo nell'industria audio.
L'E215 dovrebbe arrivare sul mercato ad un prezzo di 999US$ durante la primavera 2017.

Progettato per soddisfare la richiesta di riproduzione delle basse frequenze ad elevata potenza in grandi applicazioni in interni ed esterni, il subwoofer E218SW è dotato di due driver da 18" con telaio pressofuso e bobina da 4". Accetta potenza fino ad 1800W continui (6400W di picco) sviluppando un enorme SPL Max di 132dB con estensione fino a 32Hz a -10dB. L'utilizzo a terra è semplificato dalle maniglie in posizione ergonomica e dal sistema anti-scivolamento.

L'E218SW, anch'esso disponibile in primavera, avrà un prezzo di mercato intorno ai 1199US$.

I prodotti QSC sono distribuiti in Italia da Exhibo.

Condividi questo articolo


Tags


Autore


Francesco Passarelli

Audio Counsellor e fonico, da decenni al fianco di eminenti e storiche figure del settore ed in mezzo alle più leggendarie apparecchiature audio. Ama dire “Il suono non si racconta, si vive!”. Altre info su: http://www.musicoff.com/articolo/francesco-passarelli