Earth Day 2018: musica, pro audio e amore per la natura

Earth Day 2018: musica, pro audio e amore per la natura

Si è svolto, dal 20 al 25 aprile in una delle aree più belle di Roma, la terrazza del "Pincio", l'Earth Day 2018, un festival per celebrare la "terra": cinque giorni di musica e spettacolo per ogni gusto, rock, pop, folk, cantautori, etnica, più danze, piece cabarettistiche, artisti circensi...
Insomma una produzione decisamente impegnativa.

La società ABC di Roma di Massimo Ferranti, incaricata della produzione dell'evento, ha proposto un'idea scenotecnica dello Stage con un forte e chiaro collegamento ideologico al tema centrale del rispetto della terra, della natura.

Non semplice coniugare necessità tecno-produttive con la volontà di celare il più possibile la tecnologia stessa: la struttura dello stage è stata letteralmente avvolta da pallet di legno verniciati di bianco, le pareti, così formate, alloggiavano cascate di piante verdi. Piante che posizionate sulle varie americane della copertura pendevano anche dall'alto.
L'idea era quella di far suonare gli artisti in una "foresta".

k-array mugello kh8

Gli spettacoli, che avevano luogo tutto il giorno, prevedevano un'affluenza massima di pubblico di circa 5000 persone, in un'area di 50x70m.

Per l'audio si è deciso di utilizzare il K-ARRAY KH2, capace di coprire con energia elevata tutta l'area. La configurazione per la diffusione prevedeva due array in configurazione stereo formati ognuno da 10 cabinet KH2; 5 sub K-ARRAY KS5 provvedevano ad erogare la fascia di frequenze sotto ai 90 hz, mentre altri 5 cabinet KH2, posizionati sopra ad ogni sub in configurazione L+R, svolgevano la funzione di "Front Fills" integrando il suono dei SUB col resta della gamma audio. 

Il lobo di irradiazione del piccolo muscoloso sistema, ha dovuto fare i conti con la scenografia approvata dalla committenza, e cioè si è dovuto far largo negli spazi lasciati dalla tessitura dei pallet, con grande successo!
La voce era sempre chiara ed intellegibile su qualsiasi genere; quando richiesto dal repertorio, gli spettatori erano serviti da un'insospettabile energia, vista la dimensione del PA (molti appassionati e tecnici andavano a sbirciare dietro le torri lahyer per vedere coi propri occhi cosa ci fosse montato per avere quel suono).

allen & heath dlive s7000

Per la gestione dei segnali audio, invece, si è messo in campo la tecnologia di ultima generazione di Allen&Heath: i Mixer DLive S7000 per il FOH  interconnesso ai 64 canali del DM 64 Mix Rack. Il Cablaggio in CAT5 con ridondanza, l'istallazione e la messa in funzione del sistema è risultata pratica e veloce: i banchi possono parlare qualsiasi linguaggio con l'ausilio di schede aggiuntive da applicare nelle apposite slot.

La semplicità dell'architettura dei DLive, e l'interfaccia grafica a disposizione del fonico ha consentito, con estrema efficacia e velocità, di gestire 35 artisti ognuno con proprio setup e strumentazione.
Routing, velocità di recall delle scene, eq, dinamiche ed effetti, fanno della serie DLive una macchina fatta per produrre musica coi giusti tools senza avere bisogno di altro outboard.

Tutti molto soddisfatti anche della naturalezza dei suoni prodotti: dalla musica classica al rock dell'ex TOTO Jean Michel Byron. Suono sempre al massimo!

BC Produzioni e Allestimenti srl

  • Massimo Ferranti: Produttore
  • Marco Lecci: Responsabile Audio e Fonico FOH;
  • Luigi di Croce: Assistente FOH
  • Alessandro Micheli, Paolo Monti: Responsabili Stage e Fonici Monitors
  • Francesco Maione; Edoardo Bottura; Giulio De Ritis: Backliners
  • Marco Pupin e crew: Allestimento e Scene
  • Francesco Nuzzo e crew: Luci
  • Alessandro Paparatti: Video


Commenta