Audio-Technica fa sul serio con la serie 5000 di radiomicrofoni

Audio-Technica fa sul serio con la serie 5000 di radiomicrofoni

Audio-Technica aggiorna uno dei suoi top di gamma per i radiomicrofoni e ora la serie 5000 punta ad essere una delle prime scelte per tour profesionali, festival, ecc.

Una lotta non da poco quella che si cobatte tra le più alte sfere della tecnologia legata alla radiomicrofonazione, settore in cui il marchio nipponico ha dato sempre un notevoel contributo di innovazione. Soprattutto con una delle sue punte di diamante, la linea 5000, che ora si ripresenta in versione aggiornata (terza generazione) e con delle caratteristiche davvero notevoli. 
Insomma, stavolta Audio-Technica punta davvero a impossessarsi di scettro e corona, vediamo come.

Innanzitutto è questione di... banda! Non quella del paese ovviamente, ma quella di frequenze, che va da 470 a 700 MHz, cioé tutta quella che oggigiorno è resa utilizzabile in Europa. 
C'è poi la tecnologia Dual Compander, che elabora in maniera separata alte e basse frequenze. Questo sistema a due vie interviene quindi in tempi diversi e ciò significa innalzare non di poco la qualità audio.

L'altra novità la troviamo direttamente sui trasmettitori, che hanno uno specifico pulsante programmabile per varie funzioni, una delle quali è l'avere una frequenza di backup. In tal modo, nel caso di problemi sulla frequenza principale scelta, si può passare sulla frequenza di sicurezza in modo semplice e veloce, sanza rallentare lo spettacolo con imbarazzanti "vuoti".
Sono caratteristiche che di solito si trovano su ben altre fasce di prezzo, niente male!

Queste e molte altre le potenzialità della macchina, compreso il software di gestione da computer. Approfondiamole grazie al nostro video in compagnia dello specialista di Sisme (distributore italiano di Audio-Technica), Andrea Guerranti.


Commenta