Muse - The Origin Of Symmetry

Muse - The Origin Of Symmetry
Geniale può essere l'aggettivo adatto per definire in una sola parola il nuovo album dei muse: dopo Showbiz, infatti, che già aveva messo in mostra il trio agli occhi del grande pubblico (in particolare grazie al singolo Muscle Museum), i Muse si riconfermano con questo nuovo lavoro, ricco di spunti molto interessanti; sicuramente va dato merito ai Muse di aver trovato un "loro" suono: una cosa, questa, che alcune band non riescono ad ottenere nel corso di una carriera, e che quindi è da tenere in grande considerazione.L'album apre con New Born, un brano di 6 minuti al cui interno troviamo sonorità che passano dal semplice rock and roll a venature gotiche: premettiamo che molti dei pezzi sono lunghi, ma essi riescono lo stesso a non diventare noiosi anche dopo molti ascolti, e sicuramente questa è una delle tante armi vincenti di una band come i muse.Si prosegue con Bliss, pezzo quasi ipnotico nel suo incedere lento, ma maestoso e inarrestabile.Space Dementia ci ricorda i primi Radiohead, anche se il pezzo non riesce a decollare come dovrebbe.La track numero 5, Plug In Baby , è invece, sicuramente, il pezzo più orecchiabile dell'album, può essere definita come un pop rock a tratti acido che cattura immediatamente fin dal primo ascolto: diremmo ottima.Citizen Erased si basa su un riffone di chitarra abbassata di tono che dà una pesantezza al brano quasi da stile crossover: tuttavia la voce pulita di Matthew Bellamy ci riporta immediatamente a una dimensione più "normale".Gli altri pezzi dell'album scorrono via piacevolmente dietro riff di chitarra distorti e, onnipresenti, suoni di basso acidi e molto ritmati.Una menzione va fatta per Dark Shines, che ricalca atmosfere da film western alla Ennio Morricone, in una chiave più moderna.Origin Of Symmetry è un album rock ma di genere indefinibile, che può essere classificato solo con un etichetta: musica bella e mai banale, che solo in pochi casi dà soddisfazione al primo ascolto, ma che diventa via via sempre più irresistibile.
  • New Born
  • Bliss
  • Space Dementia
  • Hyper Music
  • Plug In Baby
  • Citizen Erased
  • Micro Cuts
  • Screenager
  • Darkshines
  • Feeling Good
  • Megalomania
  • Casa discografica: Mush 93cds
    Anno: 2001

    Tags


    Autore


    Redazione

    La redazione di MusicOff è composta da molte menti, molte persone, molti sforzi, che uniti riescono a creare questo magnifico mondo virtuale e il suo universo "editoriale", nella speranza di dare sempre il meglio, in totale trasparenza e onestà, in modo che Moff sia davvero per tutti un valore speciale!