Legato - Introduzione e primi esercizi

Legato - Introduzione e primi esercizi
Con la denominazione generica di "legato" si intende, di solito, un modo di articolare il fraseggio che tiene presente le tecniche di "hammer-on" e "pull-off", le quali hanno in comune la peculiarità di produrre una o più note a partire da un unico tocco iniziale. Dopo un primo tocco della mano destra, è infatti la sinistra a completare il lavoro, occupandosi di aggiungere altre note con vari accorgimenti a seconda del tipo di legato.Nell'hammer-on, che potremmo italianizzare in "legato ascendente", la mano destra esegue una nota, dopodiché la sinistra aggiunge una o più note battendo (hammer-on vuol dire "martellata") con un altro dito sulla tastiera la corda che era già messa in vibrazione. Viene quindi aggiunta una nota superiore in altezza rispetto alla precedente, in senso ascendente.
Il simbolo che indica l'hammer-on è la H.
Nel pull-off, o "legato discendente", la sinistra strappa letteralmente la corda su cui la nota è messa in vibrazione, tirando la stessa corda lateralmente, rilasciandola poi repentinamente e quindi mettendo in vibrazione un'altra nota prodotta dalla pressione di un altro dito in senso discendente.
E' la tecnica opposta all'hammer-on. Il simbolo che indica il pull-off è la P.
Nell'esempio seguente viene raffigurato l'argomento dal punto di vista pratico.
Prendiamo in considerazione due note (Do e Re nell'esempio). Suonandole entrambe con il plettro avremo questo risultato (nella prima battuta in senso ascendente, nella seconda in senso discendente): Esercizio 1 Cliccate sulla partitura per ingrandirla

Se volessimo legarle, otterremo invece questo risultato: Esercizio 2 Cliccate sulla partitura per ingrandirla

Cosa è cambiato? Beh, diverse cose. Innanzitutto non vengono plettrate tutte e due le note, ma soltanto la prima. La nota successiva viene aggiunta con la sola forza della mano sinistra.
Questo comporta una maggiore scioltezza nell'esecuzione ed una maggiore fluidità. In questo modo cambia anche il suono, che da "spigoloso" diventa più "morbido".
Attenzione, però: tutte le note devono avere lo stesso volume sonoro, altrimenti l'effetto non sarà fluido. Pertanto cerchiamo di regolare la forza del pull-off e dell'hammer-on anche in relazione alla prima nota, quella che viene plettrata.
Provate ad immaginare cosa può succedere combinando tre o più note. Il legato insomma è una tecnica adatta a rendere i fraseggi più fluidi e semplici da eseguire.
Ascoltate i fraseggi dei grandi chitarristi rock (i "soliti" Van Halen, Steve Vai, Joe Satriani...), sentirete spesso utilizzare tale tecnica, amatissima per semplicità ed effetto sonoro.
Nella prossima lezione approfondiremo questo argomento dal punto di vista tecnico tramite esercizi specifici.
Alla prossima MusicOffili ^__^