L'arte del frastuono: intervista a Toshimaru Nakamura

L'arte del frastuono: intervista a Toshimaru Nakamura

Cari Musicoffili, non ci siamo lasciati sfuggire l'occasione di entrare in contatto con uno dei guru della Noise, il giapponese Toshimaru Nakamura.

Per coloro che non lo avessero mai sentito nominare, è uno dei principali artisti del genere Silent-Noise di Tokyo, chiamato "Onkyo", nonché uno dei pionieri del no-input mixing, un modo creativo di utilizzare un normale mixer creando e modellando i feedback. Può sembrare strano, tutto nasce dal collegare alcune uscite del mixer ai suoi stessi ingressi e amplificare il rumore di fondo migliaia di volte al secondo, manipolarndo i drone ottenuti. 

Toshi ci parla del suo approccio attivo-passivo all'improvvisazione e all'arte, che sembra essere complementare a come funziona lo strumento musicale.

Il no-input mixing è un modo molto affascinante per produrre suoni e può facilmente trasformarsi in un sistema molto invasivo e riempire l'intero spettro sonoro. Tu hai sviluppato un modo molto particolare di usarlo, lasciando un sacco di spazio agli altri musicisti con cui suoni e al suono ambientale. Mi riferisco al tuo playing su un disco come Semi-Impressionism con Tetuzi Akiyama, in cui per lo più alternate suoni minimali al silenzio.
È in qualche modo tutto legato alla visione musicale di Onkyokei? Ci vuoi parlare del tuo approccio all'improvvisazione?

Sto cambiando. Sarebbe interessante se potessi essere un musicista diverso ogni volta che suono. Ma non mi è ancora successo, quindi sto proseguendo lentamente, soprattutto gradualmente, ma a volte improvvisamente se mi accade qualcosa di totalmente sconosciuto. Non spero di cambiare o di essere cambiato. Ma cerco di tenere la mente aperta e flessibile per qualsiasi cambiamento che possa verificarsi.
Perché parlo di cambiare? Perché lo stile di playing di cui parli è solo un lato di me. Vorrei suonare "molto invasivo e riempire tutto lo spettro sonoro" proprio come tu hai avvertito.

Tuttavia, suonare con Tetuzi Akiyama è qualcosa di molto speciale e gratificante per me.
Abbiamo iniziato a suonare insieme nel 1997. Ma non abbiamo iniziato come duo. Invece, insieme a Taku Sugimoto, abbiamo iniziato come un trio che invita un'altra persona. Noi tre abbiamo fatto una serie di concerti mensili che invitavano ogni volta musicisti diversi.
Taku ci ha lasciato qualche anno dopo, Tetuzi e io abbiamo continuato la serie di concerti con lo stesso concetto e, anche dopo aver fermato la serie, abbiamo mantenuto questo tipo di approccio. Quindi, quando suoniamo come duo senza ospiti, immagino che non siamo davvero "l'uno sull'altro". Siamo consapevoli dello spazio tra di noi per possibili musicisti, ospiti e ascoltatori.

Qual è la soglia tra il controllo dello strumento e il feedback restituito?

Non posso definire una vera e propria soglia tra loro. Può variare. Preferirei dare la quota più grande a un evento accidentale ed essere obbediente a ciò che sta succedendo. Ma impari a suonare lo strumento e a controllarlo quando lo usi abbastanza a lungo. Quindi, devo ammettere che ho un certo controllo sul mio sistema.
Cerco di dimenticare quello che ho fatto nel concerto precedente, devo cercare di sorprendermi. Dimenticare "ieri" non sembra essere così difficile per me. Dimentico facilmente. Non voglio vivere nel panico durante i concerti, voglio divertirmi sorprendendo me stesso.

Qual è la tua formazione musicale? Come mai sei entrato nel no-input così profondamente?

Ho suonato una chitarra elettrica fino a circa 30 anni. Poi mi sono sentito a disagio nel suonarla. Guardandoti intorno, ci sono già tanti grandi chitarristi nel passato e nel presente. Se vuoi fare qualcosa di nuovo o diverso, a volte devi smettere e riflettere.
Ho lavorato come tecnico del suono da quando ero ancora uno studente. Quindi, avevo una buona conoscenza di base dei banchi mixer. Ho fatto solo tutto in modo inverso. Ho fatto quello che mi è stato detto di non fare mai, creando il feedback.

Quanto sai sugli strumenti che stai utilizzando a livello tecnico?

Sono consapevole di come usarli, ma non di come vengono costruiti.

Il concetto di no-input è teoricamente sbagliato, è chiaro che puoi danneggiare i diffusori e le orecchie se non sai cosa stai facendo, ma al di là di ciò, lo hai mai trovato dannoso per il mixer e il resto dell'equipaggiamento? In che modo un dispositivo di auto-clipping può essere pericoloso?

Ho danneggiato i sistemi audio un paio di volte. Per quanto mi ricordo, gli amplificatori due volte, gli altoparlanti tre volte. La prima volta era alla Queen Elizabeth Hall di Londra. Nei cinque minuti della mia performance solista ho notato dell'odore insolito intorno a me sul palco. E ho sentito una forte tensione nella stanza. Le persone stavano tenendo il respiro, i tecnici del suono stavano cercando di strisciare fino al palco.

Ho visto il fumo che stava salendo da uno degli altoparlanti. Così, ho smesso di suonare e appena ho detto "oh brucia..." il pubblico è esploso in risate e applausi, così come non avevo mai ricevuto prima con una mia performance musicale. La gente sembrava apprezzare le mie divertenti prestazioni, ma stavo pensando "ah, credo di aver buttato via sia gli speaker che il mio debutto in Gran Bretagna".
Ho iniziato a indietreggiare verso il backstage, ma mi hanno spinto di nuovo sul palco dicendo "hey continua, tutti ti amano".
Così, ho riavviato il mio set e ho suonato per altri 20 minuti o giù di lì.

Dopo il concerto, ho chiesto scusa ai tecnici del suono per quello che avevo fatto ai loro speaker con le mie brutali frequenze. Ma mi hanno perdonato, dicendo "no no, ci dispiace per averti offerto una situazione scomoda sul palco. Hai fatto la tua musica. Solo quello. Avremmo dovuto installare più circuiti di protezione".

Chi ti ha ispirato di recente?

Molti artisti attorno a me e lontano da me, mi tengono ispirato. Famosi e non. Giovani e meno giovani. Quasi tutti quelli che vedo e sento mi danno qualcosa.

Puoi consigliare 5 dischi di qualsiasi tipo? I primi 5 che ti vengono in mente.

Oh no, questa domanda è troppo difficile!!!

Toshimaru Nakamura Official Website