Fattori che influenzano il suono di una chitarra elettrica - Legni

Fattori che influenzano il suono di una chitarra elettrica - Legni
La chitarra è quasi sempre di legno e la scelta di un legno al posto di un altro influenza in maniera notevole il suono.I legni che tipicamente troviamo nelle chitarre elettriche sono:

Per il corpo:  
  • Ontano (Alder) - Equilibrato. Rosato e raramente "a vista".
  • Mogano (Mahogany) - Pesante e denso. Scuro con venature assai fini e fitte.
  • Frassino (Ash) - Si trova più spesso sui bassi. grandi venature esteticamente gradevoli, spesso "a vista"
  • Pioppo (Poplar) - Leggero. Raramente "a vista" con l'eccezione della splendida radica di pioppo.
  • Tiglio (Basswood) - Raramente "a vista".
  • Acero (Maple) - Duro e chiarissimo. In genere non compone l'intera cassa ma solo il "top". Quasi sempre "a vista" nelle sue splendide varianti "fiammato" (flamed) e "marezzato" (quilted).
  • Si possono trovare altri legni sulle casse o sui top, ma non frequentemente: Koa, Rovere, Sapele, Noce (Walnut), Palissandro (Rosewood), Abete (Sprouce)...
 
Per il manico:  
  • Acero
  • Mogano
 
Per la tastiera:  
  • Acero
  • Palissandro
  • Ebano
    Ho visto sia manici in acero dove la tastiera era tutt'uno col manico sia con le tastiere incollate.
In linea di principio il suono viene influenzato dal tipo di legno.
Legni duri come l'acero tenderanno a enfatizzare le frequenze acute mentre quelli pesanti come il mogano quelle basse.
Spesso proprio questi due legni vengono impiegati assieme (ad esempio cassa in mogano con top in acero fiammato), per questioni estetiche e sonore (il top in acero viene definito in questi casi "correttore armonico").
Inoltre la quantità ed il tipo di legno usato avranno influenza nel sustain che aumenterà con le dimensioni del corpo e con la densità del legno.
Nella ricerca evolutiva (ma talvolta nella pura ricerca del nuovo e del diverso) si sono sperimentati, con successi alterni, materiali diversi dal legno.
Troviamo corpi in luthite, alluminio, plexiglas, manici in carbonio, tastiere in resina fenolica o in alluminio.
Trovo che in alcuni casi il "calore" della chitarra ne risenta ma è indubbio che alcune soluzioni comportino vantaggi in termini di resistenza alla deformazione.
Bene o male il legno è "vivo" e continua a esserlo, in qualche modo, anche dopo la sua morte. Umidità e temperatura sono suoi nemici e i materiali sintetici rispondono meglio a queste sollecitazioni.

Tags


Autore


Redazione

La redazione di MusicOff è composta da molte menti, molte persone, molti sforzi, che uniti riescono a creare questo magnifico mondo virtuale e il suo universo "editoriale", nella speranza di dare sempre il meglio, in totale trasparenza e onestà, in modo che Moff sia davvero per tutti un valore speciale!