L'intero svolgimento di un racconto musicale improvvisato deve costituirsi su elementi concettuali imprescindibili, dato che con esso si devono restituire sensi di coerenza, mutamento, sorpresa, tutte componenti che dovrete d'ora in poi tentare di avvertire nella musica che vi suggestiona maggiormente.L'esercizio dell' ...
Conseguentemente alle tecniche improvvisative già trattate, esaminiamo qui la sostituzione tensiva del superlocrio e adoperiamola efficacemente dandole un rapporto armonico simmetrico o, in ogni modo, logico con una delle sovrastrutture che si sono estrapolate dagli accordi a noi noti del periodo ii V I.Con questo dis ...
Nelle due parti precedenti della trattazione abbiamo fatto molta esperienza delle sovrastrutture, dirò così, ordinarie, ossia delle sviluppate secondo il periodo base e primitivo del ii V I, base e primitivo poiché non viene processato mediante l'uso di sostituzioni e appare secondo la sembianza a tutti nota.Risulta ...
Fatta chiarezza sul fenomeno, che chiamerò così, dell'ultravisione esposto nella prima parte di questi piccoli saggi, non resta che andare avanti e appropriarsi di questa specifica tecnica improvvisativa, la sovrastruttura, e assumerla nell'istinto.Per naturalizzare questa tecnica è profittevolissimo valersi di peri ...
Quando si improvvisa su una struttura di accordi di qualche standard jazz, ci si deve appropriare di un ultrasguardo, ossia una visione continua di tutto quello che può manifestarsi oltre le indicazioni segnate dagli accordi, poiché essi, vedremo, non si circoscrivono in sé, ma hanno internamente degli sviluppi ulte ...
Ciao a tutti MusicOffili e ben ritrovati per il sesto ed ultimo appuntamento della miniserie riguardante l'organologia; come accennato in precedenza questi articoli hanno lo scopo di dare una panoramica generica inerente a questa materia e non pretendono assolutamente di essere esaustivi al riguardo.  Ciò che imp ...
Bentrovati MusicOffili, come vi avevo anticipato nel precedente articolo oggi tratteremo la terza categoria degli strumenti musicali, i cordofoni; vi chiederete per quale motivo partiamo proprio dalla terza categoria e non dalla prima, ma considerando che la maggior parte degli utenti di MusicOff suona/studia strumenti ...
Ciao a tutti MusicOffili, bentrovati in questa quinta puntata del nostro percorso didattico inerente alla suddivisione degli strumenti musicali. L'articolo di quest'oggi vede protagonista una categoria alquanto affascinante: gli idiofoni, in relazione alla classificazione Hornbostel-Sachs si tratta più precisamente de ...
Ciao a tutti MusicOffili, a partire da oggi daremo il via ad una serie di articoli dedicati ad una disciplina musicale che personalmente mi ha sempre affascinato: l'Organologia; tengo a precisare che, per diventare musicisti/strumentisti, non è indispensabile lo studio di questa disciplina ma, a mio avviso, l'approfon ...
Eccoci di nuovo insieme MusicOffili, in questo quarto articolo tratteremo il secondo gruppo degli strumenti musicali: i membranofoni; vi sarete sicuramente accorti che non stiamo seguendo l'ordine ufficiale della catalogazione, la mia scelta di analizzarli in questa sequenza è del tutto personale e non di certo per or ...
Cari musicoffili, ben ritrovati in questo terzo appuntamento sull'organologia, spero vivamente che questi articoli possano stimolare in voi una grande curiosità; indipendentemente dal fatto che impariate o meno la suddivisione degli strumenti nei vari gruppi, sottogruppi e "sottosottosottogruppi", la cosa veramente im ...
Partiamo subito dal capire cosa significa "Tonalità": per tonalità intendiamo un ambiente armonico che presenta dei punti di riferimento.Le possibili tonalità Maggiori sono ovviamente 12, avendo a disposizione dodici note (di più se prendiamo in considerazione le enarmonie; cioè F#=Gb, D#=Eb ecc ecc).Ogni tonalit ...
Un discorso sull'armonia deve per forza iniziare il suo percorso dal concetto di consonanza. La parola stessa significa letteralmente "suonare insieme", anche se, come è ovvio, non tutte le note che suonano insieme sono "consonanti". Prendiamo due note a caso, quante probabilità ci sono che esse siano consonanti ...
Eccoci giunti ad un argomento spesso trascurato dalla razza chitarristica e non solo: i valori ritmici. Per valore ritmico intendiamo la durata di un particolare suono (nota, accordo) o di un silenzio (pausa), all'interno di un preciso contesto. Dunque, possiamo dividere questi valori in 2 parti fondamentali: pari e di ...
Molti lettori ci chiedono spesso cos'è una quartina e che differenza c'è con una terzina. Prima di rispondere, è necessario fare qualche premessa. La suddivisione metrica di una battuta si presta a molte, moltissime interpretazioni. Sta a noi, al nostro istinto, riuscire ad azzeccare una frase giusta al posto g ...
Aprendo una partitura ci può capitare di vedere delle sequenze di accordi, le quali a prima vista possono appararci come nient’altro che suoni diversi messi uno dietro l’altro. Quando parliamo ci rendiamo perfettamente conto che una frase non è formata soltanto da una sequenza di parole l’una dietro l’altra, ...
Tonica - Terza Maggiore - Quinta Giusta - Settima MaggioreSul ii grado La minore 7 (Amin7)Tonica - Terza minore - Quinta Giusta - Settima minoreSul iii grado Si minore 7 (Bmin7)Tonica - Terza minore - Quinta Giusta - Settima minoreSul IV grado Do maggiore 7 (Cmaj7)Tonica - Terza Maggiore - Quinta Giusta - Settima Maggi ...
Tutti nella nostra vita (chi più chi meno), siamo stati tormentati da solfeggio e compagnia bella. Purtroppo i metodi cosiddetti "classici", più o meno validi per la quasi totalità degli strumenti... non presentano risultati soddisfacenti applicati al basso ed in genere a tutti gli strumenti a corda o comunque ...
Vista l'incredibile richiesta di informazioni relative ai modi, alle dovute e necessarie modalità di apprendimento e, soprattutto, alla perseverante confusione che questo "caldo" argomento porta con se, ho deciso di preparare un bel thread ricco di informazioni per affrontare, in maniera semplice ed efficace, questo s ...
Nella musica occidentale la scala minore armonica equivale ad una scala minore naturale con la settima alzata di un semitono Il settimo grado diventa quindi sensibile, subendo quell'attrazione verso la tonica che manca al settimo grado della scala minore naturale. Tra il sesto e il settimo grad ...
In ricordo di Chris Cornell: il concerto tributo e una Gibson signature
La maggiore età di Markbass porta non soltanto amplificatori
MONO Stealth è ora disponibile anche per i bassisti

La nuova batteria Gretsch USA Custom Limited Edition Exotic
PSI Audio e il nuovo monitor a 3 vie attivo A23-M

Una Godin per Daryl Stuermer e la nuova Multiac Steel