Finalmente cabliamo i pedali sulla nostra pedalboard

Finalmente cabliamo i pedali sulla nostra pedalboard

Siamo arrivati al terzo appuntamento con la rubrica Build Your Pedalboard, è ora di cablare la nostra pedaliera, a partire dalle alimentazioni fino ai cavetti di segnale.

Sicuramente questa è la parte più divertente del nostro lavoro, ma è anche la più delicata. Innanzitutto per le alimentazioni, che avrete opportunamente pianificato in precedenza sia in termini di spazio che di corrente necessaria, a seconda che usiate gli alimentatori proprietari di ciascun pedale o uno dei vari alimentatori multipli presenti sul mercato (meglio se con le uscite ben isolate mi raccomando).
Nel nostro caso, ad esempio, abbiamo scelto di usare gli ottimi alimentatori della Strymon, Zuma e Ojai.

In queste fasi è inutile ribadire che dovrete fare un lavoro pulito anche dal punto di vista estetico. Questo per evitare che i cavi si incrocino e si intreccino e, anche peggio, che ve li ritroviate staccati sotto i piedi, per non dire rotti...

Una volta che avete acceso tutto e verificato che funzioni, si passa ai cavi di segnale, per i quali abbiamo scelto Klotz, garanzia di affidabilità. Stesso discorso di cui sopra: pulizia! 
Come detto nella prima puntata collegheremo il tutto alla pedaliera di controllo Costalab Labyrinth, un sistema evoluto dal cuore sonoro analogico ma dal comodissimo controllo digitale.

Beh, bando alle ciance, il resto lo vedrete nel video!


Commenta