Suoniamo Born Under a Bad Sign di Albert King

Suoniamo Born Under a Bad Sign di Albert King

In questa nuova puntata affronteremo un brano importantissimo del blues di fine anni '60: "Born under a bad sign" di Albert King.
La canzone compare per la prima volta nel 1967, inclusa nel secondo album del bluesman originario del Mississippi. Il disco nella sua interezza è un importante contributo al blues moderno, avvalendosi della collaborazione del produttore Booker T Jones e della sua band dell'etichetta Stax (molto importante all'epoca per le produzioni soul e r'nb); band in cui è presente un grandissimo chitarrista/turnista/produttore autore della ritmica che studieremo oggi, Steve Cropper.

Se non avete mai approfondito la conoscenza di Albert King o di Steve Cropper, questo brano sarà una buona scusa per entrare più nel dettaglio della scena blues moderna e scoprire due nomi che in 4 anni di sodalizio artistico hanno dato moltissimo alla chitarra elettrica.

Veniamo dunque al brano e alla primissima caratteristica che lo discosta un po' dal blues che già conosciamo: la struttura resta di 12 misure ma viene in qualche modo spezzettata in due gruppi, uno da 8 e un altro da 4, con il turnaround presente nel primo gruppo.

Siamo in tonalità di C# e, anche se il riff può trarci in inganno facendoci credere di essere in tonalità minore, teniamo sempre a mente che stiamo parlando di blues e quel dualismo maggiore-minore è sempre preponderante, soprattutto in brani come questo fortemente crossover con altri stili quali funk e soul.

Il riff principale è la forza motrice di tutta la canzone e lo possiamo tranquillamente annoverare tra i migliori riff blues di sempre per la sua semplicità e impatto sonoro; molto spesso quando si scrive un riff così si potrebbe rischiare di entrare in un loop compositivo molto ripetitivo, ma è qui che capiamo subito la grandezza di un chitarrista come Steve Cropper. Nel passaggio fra refrain e verse, Cropper si limita ad accompagnare una variante del riff con molte meno note e un hammer-on con i sedicesimi (come vedete a battuta 11 della chart), scendendo di dinamica per dare più spazio alla voce di Albert King.

Solo nel turnaround troviamo accordi pieni a barrè (G#7 e F#7), come ulteriore riprova del talento di Steve Cropper nel creare ritmiche tecnicamente semplici ma a totale servizio compositivo del brano.

L'unica raccomandazione che vi do per studiare è quella di ascoltare più volte e attentamente la canzone e di suonarla tantissimo insieme alla versione originale, cercando di carpirne l'intenzione sia del sound che del groove. Buono studio!

Nella prossima puntata vedremo un altro brano di Albert King, "Killing floor".


Commenta