Improvvisiamo sul Blues con tre colori diversi

Improvvisiamo sul Blues con tre colori diversi

In questa nuova lezione di chitarra Blues mi piacerebbe analizzare un paio approcci solistici non troppo complicati, ma che potrebbero risultare utili a chi, troppo spesso, relega il fraseggio alla sola scala pentatonica minore. 

Data la sua natura armonica tendenzialmente instabile, il Blues è una delle progressioni che maggiormente si presta all'improvvisazione con diverse scale. Sebbene agli inizi ci si approcci a questa progressione utilizzando prevalentemente la scala minore pentatonica, non passerà molto tempo prima di rendersi conto che, probabilmente, questa è la soluzione più semplice e, talvolta scontata. 

Il primo concetto che approfondiremo, è quello che prevede l'utilizzo della scala Pentatonica maggiore al fine di sottolineare l'accordo di tonica. Per i nostri esempi faremo riferimento ad un Blues di 12 battute nella tonalità di La, ecco la struttura armonica: 

Nel primo esempio, proveremo ad utilizzare la scala di La maggiore pentatonica ogni volta che nel giro comparirà l'accordo di tonica A7, mentre continueremo ad usare La minore pentatonica per gli altri accordi. Grazie a questo approccio, i suoni a nostra disposizione saranno: 

In questo modo saremo in grado di aggiungere tre nuovi suoni al fraseggio: B (nona di A7), F# (tredicesima di A7), ma soprattutto C#, terzo grado maggiore dell'accordo di A7. Nota troppo spesso ignorata quando, per improvvisare, utilizziamo esclusivamente la scala pentatonica minore. 

Esempio #1 

Senza allontanarci troppo dalla scala pentatonica minore, la seconda possibilità che analizzeremo sarà quella di arricchire la scala pentatonica minore con il suono del nono grado. In particolare, riferendoci alla tonalità di La, la scala che utilizzeremo per improvvisare sarà: La minore pentatonica (A C D E G) a cui aggiungeremo la nota Si.

Prestiamo attenzione al fatto che, la nota Si, oltre ad essere il non grado dell’accodo di La7, è anche il quinto grado dell’accordo di Mi7.
Provando ad utilizzare questo suono ogni volta che si presenta l’accordo di Mi7, avremo la possibilità di riferirci con precisione maggiore all’accordo e sottolinearne ancora meglio il passaggio enfatizzando, appunto il quinto grado dell’accordo. 

Esempio #2

Lo stesso ragionamento può essere utilizzato per la nota Fa#, sesto grado di La7 ma soprattutto, terza maggiore di Re7. Anche in questo caso, aggiungere un'estensione alla scala di La minore pentatonica, oltre ad arricchirne il suono di sfumature, ci permetterà di sottolineare l'accordo di Re7 con il suo terzo grado, ogni volta che lo approcceremo per improvvisare. 

In questo caso la scala da utilizzare sarà:

Esempio #3

Anche per questo appuntamento è tutto, spero che questi appuntamenti qui su Musicoff possano essere stati uno spunto per avvicinarti al mondo del Blues. In attesa di rivederci presto con una nuova serie di appuntamenti io ti auguro buono studio e buona musica!


Commenta