Accordatura, sustain e scelta delle pelli della batteria

Accordatura, sustain e scelta delle pelli della batteria

Continuiamo il discorso iniziato nella scorsa puntata a proposito delle pelli della batteria e della loro accordatura, concentrandoci oggi sulle code sonore.

Spesso si notano batteristi che con mezzi più o meno improvvisati tentano di smorzare le code sonore dei tamburi. Ma è sempre giusto? Ed è giusto che a volte alcuni fonici non proprio esperti giochino sin troppo con i gate?
Il punto è questo: se avete scelto con cura le vostre pellli a seconda del vostro tocco/suono personale e del genere musicale, se le avete ben accordate, se le avete sostituite quando era tempo di sostituirle... allora le code, nei limiti ovviamente, diventano una caratteristica della vostra musica e non un problema.
Lì troverete parte del vostro suono, una notevole quantità di armoniche, ciò che rende efficace - tra le varie cose - un buon suono di batteria.

Quindi fate ben attenzione a non eliminare ciò che potrebbe essere "vostro amico", casomai ragionate bene se quello che avete fatto o scelto a monte non vada a creare confusione a valle.
Ascoltiamo quindi i consigli in merito di Davide Colombi, direttamente dallo studio di registrazione di Tommy Dell'Olio.

Segui Tommy Dell'Olio su:


Commenta