Cos'è un solo?

Cos'è un solo?
Oggi vi proponiamo un articolo ripreso dai vecchi archivi di MusicOff che avevamo lasciato nel cassetto. Spesso, nelle richieste di assistenza che giungono in redazione, ci viene chiesto cos'è e come si realizza un solo. Affidiamo oggi la risposta ad alcuni dei grandi del '900!
  • Non jam, ma forma (Clapton)
  • Come se fossi l'ascoltatore: suoni e ritmi (Benson)
  • Ascoltare altri strumenti; orecchio e feeling (Buchanan)
  • Ascoltare molti assoli (Blackmore)
  • Ascoltare i maestri (Trower)
  • Assimilare licks; ritmo e lancio alternati; suoni ed atmosfera (Richards)
  • Ascoltare altri strumenti; melodia (Kessel)
  • Melodia, orecchio, gusto (Schenker)
  • Esser semplici (A.King)
  • UNA nota attacco, volume, intonazione, vibrato (Bloomfield)
  • Spremo tutto da UNA nota; mi ascolto cantare attraverso la chitarra (B.B.King)
  • Lo canto, come dire la verità; orecchio (Falrlow)
  • Prima cantalo poi fallo respirare (Montrose)
  • Vocale, asserzione, storia, istinto (Cooder)
  • Complemento alla voce; porta la canzone un passo oltre (Baxter)
  • Provo a portare il pezzo da qualche parte (Beck)
  • Raccontare storie; spontaneità (Santana)
  • Fluido, in movimento, con un inizio e una fine (Nielsen)
  • Asserzione, parte, ti cattura, climax, scende dentro altrove, segue un tema (Travers)
  • Ingresso, timbro, crescita, uscita. Un'asserzione; canzone nella canzone; dai tempo al tempo; dinamiche di lento e veloce. Per la velocità, la mente un passo avanti alle mani (Bloomfield)
  • La velocità deriva dalla precisione; rischiare il nuovo; saper non suonare ciò che non vuoi (H.Roberts)
  • Fraseggiare ciò che odo, suonare oltre le proprie possibilità per una tecnica dinamica; improvvisare = territori nuovi e sconosciuti (McLaughlin)
  • Non aver paura di "mollare" le tue conoscenze! Crea, fai musica, quasi sempre si suona ciò che si conosce; improvvisazione è suonare l'ignoto; nessuno sa ciò che sta per arrivare, né musicista né pubblico (Goodrick)
  • Provaci (Zappa)
  • Spontaneità, novità (Holdsworth)
  • Strano è meglio (Lindley)
  • Trasforma un errore in una frase valida (Kiswiney)
  • Catturare l'attenzione (Bogert)
  • Feeling, ti deve smuovere (Van Halen)
  • Anima, cuore (Thrall)
  • Divertirsi (Chaquico)
  • Ciò che NON suoni (Thorogood)
  • Segui una voce interiore, poi, per realizzare la musica che senti dentro, devi sviluppare la capacità fisica di eseguirla (Berlin)
  • Entra in contatto con te stesso (Emmet)
  • Orecchio & feeling... ma in mente manico programmato e diviso in posizioni; esercitarsi sull'acustica; altezza della tracolla (Buchanan)
  • Ritmi del parlato; clima armonico, architettura, melodia, pentatoniche o poliscalari (Zappa)
  • Non farsi controllare dai metodi (Burrel)
  • Forme dell'accordo (Albert Lee)
  • Intervalli; sovrapposizioni di accordi (Carlton)
  • Tieni a mente due linee: basso e melodia (Ellis)
  • Sapere dove stai andando; lineare più che posizionale; ottave con seste aggiunte, o quarte o quinte (Benson)
  • Sapore della tonalità; usare gli "attrezzi" - "scale", etc.; più è vasta la conoscenza, più è vasto il risultato (Berlin)
  • Figure ritmiche (Entwistle)
  • Qualsiasi chitarra e ampli uso suona come me (Van Halen)
  • Quante note? less-is-more (-è+). Esercitarsi su progressioni sconosciute ed imprevedibili, inventare al volo e registrare (Goodrick)

Tags


Autore


Redazione

La redazione di MusicOff è composta da molte menti, molte persone, molti sforzi, che uniti riescono a creare questo magnifico mondo virtuale e il suo universo "editoriale", nella speranza di dare sempre il meglio, in totale trasparenza e onestà, in modo che Moff sia davvero per tutti un valore speciale!