Una visita negli studi di produzione musicale Modular 58

Una visita negli studi di produzione musicale Modular 58

Cari Musicoffili, oggi voglio parlarvi della mia visita presso lo studio Modular 58 di Magenta (MI), battezzato anche come "Urban production room".
Tutti noi musicisti abbiamo prima o poi l'esigenza di realizzare i nostri progetti musicali, occasioni in cui sia le competenze tecniche che le attrezzature e la struttura a disposizione fanno la differenza.

Ecco perchè voglio parlarvi di questo progetto, nato dalla passione di 2 amici, Gennaro di Mauro e Simone Zaccuri, professionisti del settore audio e con un background ricco di esperienze professionali. A loro si sono aggiunti Simone Testa , produttore/autore oltre che artista hip hop, e il tastierista Alberto Pagani, che vanta un'esperienza ventennale sul campo.

Simone Zaccuri e Gennaro Di Mauro dello studio di regione Modular58 Simone Zaccuri e Gennaro Di Mauro

Il Modular 58 è il risultato di uno studio mirato che consente di godere di un vero studio di produzione musicale con un budget tutto sommato accessibile. La prima cosa che colpisce è il contesto: ci troviamo in un complesso di palazzine e a tutto si puo' pensare tranne che ci possa essere in zona uno studio (inizialmente ero convinto di aver sbagliato indirizzo).

Mi viene incontro Gennaro, con lui oltrepasso il portone d'entrata di una delle palazzine e mi fa strada verso la porta d'ingresso del Modular 58. Una luce tenue lilla illumina le pareti di un corridoio con appese le copertine dei dischi piu importanti della storia della musica, Michael Jackson, Pink Floyd e molti altri.

Tutto l'appartamento è stato ristrutturato, i lavori sono durati circa 5 mesi. Il pavimento è un bellissimo laminato grigio chiaro, colore che lo accomuna alle pareti che però sono illuminate lilla; sulla sinistra c'è una living room ben arredata, con una piccola cucina dove non manca mai una macchinetta del caffè in azione!

Continuando la nostra "ispezione" entriamo nel cuore pulsante del Modular 58, si sente la guaina della porta insonorizzata che si apre e mi presento a Simone. L'ambiente è altamente professionale, il soffitto presenta una struttura angolare con diverse altezze e tipi di illuminazione.

L'acustica è stata creata Donato Masci , acoustic designer di grande esperienza (ha realizzato oltre 300 studi tra cui quelli di Renato Zero e Andrea Bocelli).
La costruzione e realizzazione, "chiavi in mano" è stata curata da Francesca Bianco di Proaudio Consulting di San Marino. L'isolamento acustico abbatte tranquillamente 50dB, il che significa percepire nulla o quasi dall'esterno; solo in casi di volumi molto sostenuti c'è appena il sentore di una televisione accesa in lontananza.

Il banco di lavoro dello studio di registrazione Modular58 Il banco di lavoro del Modular58

M'incuriosice lo schermo touchscreen su cui lavorano Gennaro e Simone, si tratta di un multitouch da 28" Slate Digital Raven MTi .
Decidiamo di fare un ascolto attraverso i monitor Neumann KH310A , scelgo un brano e Scott Henderson mi sembra l'ideale: sarà l'acustica dell'ambiente o la qualità dei monitor, ma il brano da me scelto (ascoltato decine di volte) sembra completamente diverso, la chitarra di Scott è totalmente nitida, si percepisce ogni minima sfumatura, le basse sono bilanciatissime, il risultato finale è un piacere assoluto per le orecchie con la sensazione di un bel live show!

Una visita negli studi di produzione musicale Modular 58

Usciamo dello studio e nella stanza accanto (utilizzata anche per registrare per grazie al riverbero naturale) c'è una collezione di vinili che Gennaro custodisce da più di trent'anni.

Presso il Modular 58 è possibile, oltre che registrare, mixare ecc., anche prendere parte a una serie di corsi, tra cui quello per DJ e per l'utilizzo di Logic.
Vi invito a contattare Gennaro o Simone attraverso il sito web ufficiale per ulteriori informazioni, collaborazioni e altro ancora.